Blog
comments 5

Weekend a Vienna

weekend a vienna

Un weekend a Vienna sorprendente

Le vacanze di Pasqua ci hanno permesso di programmare un breve viaggio in Austria. Nel nostro itinerario abbiamo riservato 2 giorni alla capitale, non sono molti ma l’itinerario che abbiamo fatto può essere una buona idee per un weekend a Vienna in famiglia.

La nostra casa a Vienna per due giorni (e due notti) è stato il Boutique Hotel Stadthalle. Non è proprio in centro storico ma è ben collegato con metro e tram, è un eco-hotel al quale abbiamo dedicato un intero articolo su questa pagina. Da qui, appena arrivati, siamo partiti alla scoperta di Vienna.

weekend a vienna

La prima meta del nostro itinerario è stato il Castello di Schönbrunn, la grande residenza che fu degli imperatori d’Austria con un magnifico ed enorme parco-giardino. Durante la nostra visita, nel cortile di fronte il palazzo, è stato allestito un grande mercatino pasquale. Uova e coniglietti decorati, animazione per i bambini, cibo tradizionale come grandi ciambelle zuccherate e gli immancabili Bretzel, i nostri bambini hanno pure partecipato ad un laboratorio per la preparazione di un coniglietto pasquale in marzapane. La reggia è bellissima e merita una visita, specialmente la parte esterna che lascia veramente stupefatti.

Spostandoci velocemente con la metro la meta successiva è stata il mercato alimentare di Nashmarkt. Un tripudio di colori e sapori in un lunghissimo mercato che merita di essere visitato, bellissime le esposizioni di spezie in centinaia di piccoli sacchetti colorati. Scendendo verso la Karlsplatz merita di essere visto il Palazzo della Secessione sulla sinistra, al termine, o inizio se cominciate dall’altra parte, del mercato.

Il secondo giorno di questo weekend a Vienna (anche se la nostra due giorni non era proprio sabato e domenica) l’abbiamo iniziato con un breve tour guidato della città. In compagnia di Chiara, guida locale, abbiamo esplorato alcune interessanti attrazioni della città. Abbiamo iniziato dalla Cattedrale gotica di Santo Stefano proprio nel centro della città (tante carrozze con cavalli vicino alla chiesa), per poi passare dalla casa di Mozart, lungo il Graben (grande strada pedonale) sino alla fontana della Peste e la chiesa di St. Peter, meraviglia del barocco viennese. Abbiamo imboccato quindi la Kohlmarkt passando dal ristorante Julius Mein e dalla pasticceria più antica di Vienna, Demel. In fronte a noi è quindi apparso l’Hofburg, maestoso e gigantesco palazzo imperiale che abbiamo attraversato lungo i cortili interni sino ad Helden Platz.

Il languorino dell’ora di pranzo ci ha portato a mangiare un luculliano würstel al chiosco Bitzinger (trovato nella guida turistica Lonely Planet della città) dietro ai Burggarten dell’Hofburg (qui i bambini hanno corso e giocato un po’ nei giardini), di fronte all’Hotel Sacher (da vedere la famosa pasticceria dove è nata l’omonima torta poco distante).

Meta del primo pomeriggio del nostro weekend a Vienna è stato il Museo di Storia Naturale. collegamento alla pagina in inglese del museo di storia naturale) In un edificio classico è raccolta una magnifica esposizione di minerali, fossili ed animali provenienti da ogni parte del mondo. Affascinante entrare in queste sale dove il parquet scricchiola un po’, con oggetti ed animaletti nelle infinite bacheche di vetro e legno antico. Una mostra molto grande ed interessantissima, con stazioni interattive per bambini ed un bar/ristoro al secondo piano, da non perdere la sala dei dinosauri con grandi scheletri. Pure uno di questi antichi abitanti del pianeta che si muove ed emette temibili versi, bimbi a bocca aperta! L’ingresso costa 10 Euro per gli adulti, gratis per i bambini. Il museo è veramente grande, metti in conto almeno 3 ore per la visita.

Dal museo di Storia Naturale ci siamo spostati verso il Museums Quartier, passando dal cortile interno, con delle divertenti sedute colorate, abbiamo visto il modernissimo palazzo del Museo di Arte Contemporanea (Mumok) e il Museo dei Bambini Zoom. In quest’ultimo siamo entrati per dare un’occhiata (fantastico mondo dedicato alla sperimentazione attraverso il gioco), ma non abbiamo potuto fermarci perché era già in ora di chiusura, meglio in ogni caso prenotare le attività on line. Di fronte al Museo c’è un vero e proprio ufficio informazioni su tutte le attività con e per i bambini in città, da non mancare!

Un caffè con una bella fetta di torta in uno dei locali sulla Mariahilfer Strasse e siamo andati a cena, qui l’usanza è quella di mangiare abbastanza presto. Gasthof zur Oper è stata una bella scoperta. Un bel locale in centro, parte all’interno e parte all’esterno, dove si possono assaggiare le specialità della tavola viennese, primo fra tutti lo Wiener Schintzel (carne impanata) e le patate in insalata (erdapfelsalat). Tutto squisito, il locale è di alto livello ed i prezzi sono in linea, circa 100 Euro per 4 persone mangiando una grande bistecca impanata, le patate e le bibite. Passeggiata dopocena lungo le vie pedonali del centro con le affascinanti vetrine dei grandi negozi, da non perdere.

Il nostro weekend a Vienna è terminato così. Il giorno successivo abbiamo fatto una bella colazione e siamo partiti. Vienna è una meravigliosa città e merita certamente alcuni giorni di più per essere visitata, soprattutto per i musei che sono sensazionali. Un motivo in più per tornare 🙂 Il Museo di Storia Naturale è quello che ci è piaciuto di più del nostro weekend a Vienna, ma anche l’atmosfera ordinata della città e la sua architettura.

Arrivare e parcheggiare a Vienna

Muoversi con l’auto a Vienna è sconsigliato, i parcheggi sono molto cari ed invece la rete di trasporto pubblico è ottima. Per evitare di pagare tariffe altissime in centro vi suggerisco di fare come abbiamo fatto noi, ossia utilizzare un parcheggio Park & Ride poco fuori città e usare i mezzi pubblici. Praticamente siamo arrivati in albergo, abbiamo scaricato le valigie e ci siamo procurati le Vienna Card (21.90 Euro ad adulto) per muoverci sui mezzi pubblici per 72h. Abbiamo portato l’automobile al Park and Ride di Ottakring, l’abbiamo lasciata lì e siamo tornati in centro con la metro. Il costo è di € 3,40 al giorno, veramente accessibile e consigliato!

5 Comments

  1. Pietrolley - Travel Blog says

    Sono mooolto interessato a vedere questa città poco distante da noi! Soprattutto verso fine novembre quando inizieranno i mercatini e l’atmosfera sarà ancora più invitante. Spero di avere le ferie 🙂
    Buona Pasqua a voi
    Pietro

  2. Francesca says

    A Schonbrunn vale la.pena di visitare anche lo zoo che è bellissimo e ospita gli unici panda giganti in Europa

  3. Pingback: Vienna con bambini, consigli di viaggio - bambiniconlavaligia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.