Consigli, LifeStyle
Leave a comment

Come vestire i bambini in inverno

come vestire i bambini

Le regole base per vestire i bambini in inverno

Cadono le foglie, il vento torna a soffiare, freddo, al mattino le temperature si fanno più rigide, e il sole scalda meno, lo si sente subito sulla pelle. E’ l’autunno che anticipa la stagione più fredda, è tempo di cambio stagione in armadio, un lavoraccio per ogni mamma o papà che abbia questo incarico casalingo, è ora di vestire i bambini per la stagione fredda.

Torna anche l’eterno dubbio, come vestire i bambini in inverno, meglio imbacuccarli con mille maglioni e giubbotti, sciarpe e berretti di lana, o tenerli scoperti, magari per evitare che sudino quando corrono o giocano all’aperto? E se poi si prendono il raffreddore o ancora peggio il tosse o mal di gola? Prima di tutto c’è da mantenere la calma, sempre, nulla di tutto questo è così terribile, meglio ragionarci bene sopra, magari con un paio di suggerimenti utili.

Vestirsi a strati potrebbe essere uno dei primi segreti per mantenere sempre la giusta temperatura corporea. Innanzitutto perché è possibile svestirli o vestirli (se più grandini sono chiaramente in grado di farlo anche da soli) a seconda che sentano caldo o freddo. In secondo luogo i diversi strati di vestiti mantengono delle sacche d’aria tra i vestiti che aiutano a coibentare e mantenere la giusta temperatura corporea. Terzo punto, vestendo i bambini a strati, eviterete che togliendosi il capo principale, o indossandolo, muoiano (in senso lato) di freddo o di caldo.

Se è corretto vestirsi a strati, non è corretto usare TROPPI strati, rischieresti di farlo sudare, ed il sudore potrebbe causare una bella infreddatura perché la pelle del bambino è umida, proprio quando gli togli uno i più strati. Gli strati principali da considerare vestendo i bimbi sono 3.

Il primo strato è quello a diretto contatto con la pelle, qualcosa che permetta di trasudare e quindi di non mantenere l’umidità addosso. Il cotone purtroppo non è un buon materiale, tende ad assorbire l’umidità e a non rilasciarla, meglio optare per qualcosa di sintetico o lana.

Il secondo strato è quello che deve isolare e aiutare a mantenere la temperatura corporea senza però impedire la traspirazione. Lana o pile sono i miei suggerimenti, ma anche un piumino leggero, senza maniche ad esempio. Fai attenzione per questo capo che non sia troppo aderente, i bambini hanno necessità di muoversi.

Il terzo e ultimo strato (gia finito? :)) è quello che deve proteggere i nostri piccoli o ragazzi dalla pioggia, vento e neve. I giubbotti, giacconi, giacche devono avere delle caratteristiche precise e comuni, devono essere impermeabili e bloccare il vento, non serve altro. Il materiale del quale sono fatti generalmente è qualcosa di tecnico, come il Gore-tex ad esempio.
La moda realizza dei capi per bambini che veramente sono quasi, anzi certamente, più belli di quelli per gli adulti. Io ho un more sconsiderato per Desigual ad esempio, da quando con Giulia siamo entrati nello store di Barcellona diversi anni fa. In questo caso c’è da sbizzarrissi tra cappotti e giubbotti che, oltre a proteggere dal freddo e riparare dalla pioggia, sprizzano colori e gioia, in perfetto tono con il sorriso dei bambini.

Quando si parla di come vestire i bambini in inverno non c’è da dimenticare gli accessori, guanti, sciarpe, paraorecchie. Spesso i bambini non li amano e tendono a dimenticarseli ovunque. Se ne trovano di veramente carini in giro, magari con un orsetto o il supereroe preferito si riesce a farli piacere anche ai piccoli.

Ultimo consiglio. Specie quando i bambini sono piccoli portate con voi una borsa o uno zaino impermeabile con all’interno un cambio. Non ti dico che proprio recentemente durante una passeggiata in riva al fiume mio figlio è caduto dentro una pozza d’acqua sino alla coscia… succede 😉

Ci tengo a ricordare il detto norvegese “non esiste brutto tempo ma solo cattivi vestiti”, i bambini è giusto che escano all’aperto anche d’inverno, la pioggia non deve essere una limitazione, la neve e il vento (per dei bambini nati a Trieste come i miei poi) tanto meno. Mio figlio ha giocato a calcio dai 4 ai 6 anni in pantaloncini corti tutto l’inverno (a 400mt di altezza) senza buscarsi nemmeno un raffreddore. Ricorda di controllare sempre le etichette e le informazioni sui capi di abbigliamento per bambini secondo quanto ti ho suggerito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *