All posts tagged: easyjet

easyjet

EasyJet con bambini, guida di viaggio

easyJet con bambini, la guida di viaggio Dopo l’interesse che ci hai mostrato verso la guida di viaggio di Ryanair con bambini, ho pensato che ti potrebbe interessare un mini manuale su come viaggiare con bambini su easyJet, conosciuta compagnia lowcost che viaggia anche su aeroporti più vicini alle destinazioni e con servizi family molto concorrenziali. Guida a viaggiare con easyJet con i bimbi Gravidanza. Le donne in gravidanza possono volare fino alla trentacinquesima settimana per gravidanze singole, per gravidanze gemellari il termine è la trentaduesima settimana. Priorità d’imbarco. Tutte le famiglie che viaggiano con bambini con età inferiore ai 5 anni hanno diritto alla priorità d’imbarco gratuita. Posti a sedere. E’ possibile scegliere gratuitamente i posti a sedere con bambini di età inferiore ai 5 anni, in maniera tale che il bambino possa viaggiare vicino a mamma o papà. Bambini 0/2 anni.  E’ consentito volare con easyJet a tutti i neonati con almeno 14 giorni di vita. Il bambino viaggerà in braccio a mamma o papà con una cintura di sicurezza fornita dal personale di …

diritti dei passeggeri

Diritti dei passeggeri sui voli in Europa

Voli aerei, quali sono i diritti dei passeggeri, bambini compresi. Scrivo questo articolo stimolato dalle nostre disavventure e dopo aver letto quelle di altre persone sul nostro gruppo Facebook  https://www.facebook.com/groups/605687242836831/ al fine di far conoscere quali sono i diritti dei passeggeri, di quelli che volano in Europa o con voli che partono da aeroporti europei. Che brutta esperienza arrivare al nastro del ritiro bagagli e vedere la valigia nuova arrivare con una bella ammaccatura o proprio rotta. Se non starsene al gate mentre il display luminoso continua ad aumentare il ritardo del volo, magari sapendo che state perdendo la coincidenza. Purtroppo sono cose che succedono, talvolta rischiano di rovinare la vacanza, specie se non si ha una buona assicurazione che copra certe spese. E poi le risposte che si ricevono dalle compagnie, le difficoltà nel comunicare quando l’unico sistema sono dei call center (magari a pagamento) aperti solo in certe ore, talvolta solo in lingua straniera. Che fatica mi viene da dire. Mi è successo qualche volta di abbandonare l’idea di far valere i miei …