Blog, Viaggi Avventura
comment 1

Sudafrica: viaggio avventura con i bambini

Sudafrica

Fulvia ci racconta il suo viaggio avventuroso in Sudafrica con la sua famiglia

È un viaggio molto particolare, per tanti motivi, non è la solita vacanza ma proprio un Viaggio con la V grande, avventuroso, pesante, itinerante verso mondi e culture così diverse!

Se è un viaggio speciale è perché arriva dopo tanti anni di sacrifici a causa di una malattia che ci ha bloccati per un bel po’! Ora e da allora si ricomincia! Spero di esser utile per tutte quelle famiglie un po’ fuori dagli schemi che hanno piccoli dubbi se è il caso di farlo con i bimbi: noi dopo la nostra esperienza diciamo assolutamente si!!!

Eccoci  appena ritornati da questo lungo viaggio… un viaggio iniziato molto tempo fa… quasi 2 anni prima… sognato pensato e intensamente voluto!

sudafrica tour

Un momento emozionante

Sudafrica, il paese arcobaleno

Letto tantissimo per decidere cosa vedere e come fare il più possibile, soprattutto visto che con me e Peppe c’erano i nostri due giovani esploratori ( Luigi e Antonio,6 e 5 anni).

Decidiamo di farci aiutare per la scelta dei voli e dei Camp da Rita… una fantastica Operator esperta del paese che è stata eccezionale nel consigliarci le destinazioni, i tempi, gli hotel adatti per la nostra famiglia.

Voliamo con Egiptair  partendo da Fiumicino. Un po’ titubanti all’inizio ma l’enorme differenza di prezzo rispetto alle altre compagnie, oltre al fatto che era un volo notturno, ci convince !! Alle 13 arrivo a Cape Town, noleggiamo l’auto che ci accompagnerà in questi primi giorni e arriviamo alla nostra prima “casa”.

 – Cape Town – Village & Life Mouille Point Village – Appartamento – 4 notti ; bellissimo con vista oceano, cucina attrezzata, pulizia giornaliera; parcheggio custodito perl’auto e camere enormi! Zona tranquillissima, residenziale con lunga pista ciclabile, parchi giochi ovunque e vicinissimi in una moltitudine di razze, colori, perfettamente integrate fra loro.

sudafrica animali

Incontri in Sudafrica

Primo giorno in Sudafrica

Il primo giorno è dedicato al giro di Cape Town, alla metropoli, ai quartieri colorati, ai centri commerciali enormi e ai suoi parchi ( quello più grande cittadino è pieno di scoiattoli e paperelle che volentieri si avvicinano per qualche nocciolina per la gioia dei miei bimbi ).

Secondo giorno in Sudafrica

Il secondo giorno volevamo andare sul monte dietro la città con la cabinovia, da cui abbiamo letto si vede un panorama stupendo, ma era “ chiusa per manutenzione “ e abbiamo cambiato itinerario e siamo andati a veder il giardino botanico ( stupendo): Kirstenbosch National Botanical Garden consigliatissimo (20 min da casa nostra ): itinerari attraverso migliaia di piante alberi e ecosistemi diversi e una passerella di legno rialzata per camminare sugli alberi come gli scoiattoli.

sudafrica balene

L’avvistamento delle balene nell’Oceano

Terzo giorno in Sudafrica

Il terzo giorno siamo partiti alla volta di Capo di Buona Speranza ed è stato un viaggio incredibile; accompagnati lungo la strada da scimmie e pinguini,struzzi e tante altre specie di animali che li trovate liberi lungo la rotta! Andate assolutamente al Cape Town National Park e dedicategli un giorno intero ( e anche più se potete).

Quarto giorno in Sudafrica

Il quarto giorno partenza verso Hermanus… già il viaggio è un’avventura( spiagge di pinguini lungo la rotta ben indicate) piccoli paesi di pescatori e panorami mozzafiato lungo l’Oceano. Guardate continuamente il mare che le balene e le foche sono dovunque e la loro visione ci ha fatto impazzire.

A Hermanus tutto ruota intorno alle balene: è la capitale indiscussa per il loro avvistamento… da giugno a ottobre centinaia di esemplari passano lì davanti per accoppiarsi e dirigersi verso paesi più caldi.

Noi abbiamo dormito in un appartamento con colazione inclusa ma senza cucina a 5 minuti a piedi dal centro gestito da una vecchina piena di gatti adorabile : Baleia guest lodge.

sudafrica costa

Scenari sulla costa in Sudafrica

Abbiamo prenotato dall’Italia il tour avvistamento di qualche ora in barca più piccola ( max 30 passeggeri) sicuramente un po’ più costoso ma molto più emozionante di quei barconi strapieni di turisti che abbiamo visto durante il tour ! Andate su internet… ce ne sono tantissimi… prenotate anzi tempo che sono sempre tutti pieni!

Avvistare le balene, vederle saltare, danzare, sbuffare avanti a noi a meno di 2 m è stata un’esperienza incredibile. A Hermanus abbiamo pranzato in uno dei ristoranti italiani nella piazzetta che poco avevano di italiano. L’unico che aveva veramente qualche sapore dei nostri e che ha accontentato la voglia di pasta dei nostri bimbi è stato FABIO’s!

Il pomeriggio assolutamente da fare la passeggiata lungo la strada sulla piattaforma che costeggia le rocce! Spettacolare…

Giorni 5 e 6 in Sudafrica

Il giorno dopo rientro a Cape Town. Aereo per Johannesburg, dove siamo stati ospiti di alcuni amici! Noi ci siamo voluti andare per salutare i nostri amici ma altrimenti ve la sconsigliamo. La città non ci è proprio piaciuta… dopo i colori e l’integrazione vista a Cape Town siamo stati delusi.

Una città pericolosa dove ci sono zone per bianchi ricchi e poca accessibilità ai veri abitanti di questa terra… i sud africani. A parte il Lion Park con possibilità di dare da mangiare e accarezzare i cuccioli di leopardo o leone, il resto non ci ha per nulla entusiasmato. È una città in crescita e stanno cercando di riqualificarla ma quando siamo andati noi era ancora tutto da rifare! Abbiamo l’affittato auto e siamo partiti verso la Panorama Route!

Viaggio lungo da fare assolutamente di giorno e con grande pazienza perché strade a due corsie con pochi punti sosta ma il tutto viene ripagato dalla bellezza della Panorama Route e soprattutto del resort dove abbiamo alloggiato. Un sogno una meraviglia … sembrava di essere in un film: FOREVER RESORT BLYDE CANION.

lodge sudafrica

Per quanto fantastico il luogo il costo del soggiorno è molto più basso di un weekend a Amalfi! Natura incontaminata e panorami stupendi: consigliatissimo.

Dopo due notti siamo partiti sempre in auto verso il Kruger Park. 

Gli ultimi giorni in Sudafrica e il parco Kruger

Il momento più atteso e sognato. Dopo anni e anni di documentari finalmente ci siamo.

Il safari park più grande dell’Africa con la quantità e varietà maggiore di animali liberi per un parco protetto rispetto a tanti altri che trovate nel mondo. Organizzato benissimo! 

Qui potete scegliere due opzioni:

Dormire al suo interno in uno dei test camp con varie tipologie di soggiorno (dalla suite esclusiva alla tenda in campeggio ), oppure subito al di fuori! Davanti ad una delle porte di ingresso ( sono 13) ci sono decine di hotel.

Noi consigliamo l’ebbrezza di dormire dentro e andare a dormire in una stanza con accanto la pozza d’acqua dove trovi elefanti, coccodrilli e ippopotami che bevono o si riposano; con i rumori della giungla nelle orecchie e soprattutto con la possibilità di godere il parco senza l’ansia di dover uscirne quando è ora ( è permesso girare dalle 6 am alle 5 pm!)

Noi abbiamo alloggiato al Mopani Rest Camp molto bello e proprio su una delle pozze d’acqua più grandi! Il parco è enorme, in lunghezza come l’Italia , vederlo tutto è impossibile ma in fondo 2/3 gg sono più che sufficienti. Noi abbiamo scelto la possibilità di girare con la nostra auto da soli anziché tour organizzati. Un po’ perché sono proibiti bimbi al di sotto dei 7 anni e un po’ per esser più autonomi per le soste ( pipì, cacca, etc.).

Unico neo è che ovviamente i ranger sanno come e dove stanare leoni e altri animali dei famosi big five ( noi comunque da soli li abbiamo visti tutti tranne il leone e il leopardo) 

Dal Kruger poi con ben 9 ore di strada siamo ritornati a Johannesburg e da lì aereo per casa.

 

Sarebbe stato possibile anche partire con aereo da uno degli aeroporti del parco Kruger ma all’epoca non trovammo coincidenze adeguate ai nostri tempi e al nostro budget, ma da valutare come opzione anziché un viaggio di ritorno così lungo.

Informazioni utili per visitare il Sudafrica

Siamo tornati stanchissimi ma completamente innamorati! Le lunghe ore di auto sono volate considerando la bellezza dei panorami e consiglio assolutamente di farle( viaggio è anche questo)

Prezzi: costo dei ristoranti di buon livello inferiori ai nostri 

Hotel : per famiglie e 3/4 stelle… prezzo come i nostri

Resort nel Kruger : molto cari ma assolutamente consigliati ma da prenotare molto ma molto tempo prima( noi ’abbiamo fatto a ottobre partendo poi a agosto) 

Documenti necessari: Equipaggiatevi prima di partire dello stato di famiglia in lingua inglese per i vostri bimbi oltre che dei passaporti e della patente internazionale specifica per sud Africa ( guida a sinistra).

Consigli cibo: portatevi, se dormite nel Kruger e avete bimbi piccoli o come i miei appassionati e dipendenti dalla pasta, cibo per loro prima di entrare ( ci sono supermercati prima dei gate d’ingresso; dentro sono piccoli, cari, semi sguarniti e non sempre arriva latte fresco oppure omogeneizzati).

Quando andare: sicuramente il periodo da luglio-agosto/ottobre è il migliore… la nostra estate ma il loro inverno! Non pensate però di dover portare il piumino e gli sci; mite con molto vento soprattutto vicino all’Oceano ma perfetto per i Safari perché fa molto meno caldo e non ci sono le zanzare tremende portatrici della malaria .

– noi abbiamo preferito agosto proprio per non sottoporre noi e i bimbi a vaccinazioni profilattiche e abbiamo escluso le cascate Vittoria per rischio più alto di infezione. 

Fulvia

1 Comment

  1. Daniela says

    Grazie grazie grazie!!!! A Fulvia per la recensione credo proprio sfrutterò ogni tuo consiglio.Siamo in quattro(2 adulti+2 bambini di 7 e 10 sarebbe possibile sapere quanto potrebbe costarmi l’intero soggiorno compreso di tutto? E’ necessaria una profilassi? Il periodo migliore per il safari e per avvistare le Balene? Grazie milleeeeeeee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.