LifeStyle
comments 2

Gli strumenti semplici per la didattica a distanza

didattica a distanza

Gli strumenti semplici per la scuola online e i corsi a distanza

La crisi dovuta al COVID-19 ci ha messo di fronte ad una situazione difficile e inaspettata. La chiusura delle scuole è stato un brutto colpo per le famiglie che si trovano, come noi, chiuse in casa con i figli, a doverli assistere per evitare che in questi giorni di isolamento restino indietro con la loro formazione scolastica. Seppure ci siano state chiare indicazioni da parte del Miur per l’attivazione della didattica a distanza, il mondo della scuola è realmente pronto per questo tipo di attività?

Da quello che vediamo c’è un forte rallentamento, e portare a regime la didattica a distanza non sarà facile in tempi di coronavirus, di fatto pochissimi utilizzano abitualmente sistemi di formazione a distanza, pertanto ci troviamo in una situazione di stallo, sia dalla parte insegnanti che dalla parte genitori. Chiaramente ci sono anche diversi segnali positivi ed esempi lodevoli.

In questo post, al solo scopo informativo e senza volermi in alcun modo sostituire ai dettami del Ministero oltre che agli insegnanti, che comunque sono e restano gli attori di riferimento, voglio segnalare quali sono e potrebbero essere gli strumenti semplici più utili, spesso totalmente gratuiti, per la didattica a distanza (diversi utilizzabili anche per il lavoro a distanza). Troverete di seguito quelle applicazioni, portali e software che rendono la scuola e i corsi a distanza possibili, anche se magari non il miglior sistema educativo e probabilmente non potranno mai sostituirsi ad una classe reale. Sono tra l’altro strumenti che noi utilizziamo abitualmente nei corsi online di fotografia e nei corsi a distanza di blogging con un buon successo.

La strumentazione necessaria per la scuola a distanza

È praticamente già in possesso della maggioranza di noi. Per fare formazione a distanza basta anche uno smartphone, volendo un tablet, un notebook o un pc. Quasi indispensabile una connessione wifi. Ogni smartphone ormai è dotato di fotocamera che permette di acquisire immagini e registrare audio e video che possono successivamente essere inviati alle altre persone. Abbiamo in ogni tasca uno strumento semplice che ci permette funzioni infinite, è forse il momento di utilizzarlo non solo come puro strumento di svago?

Whatsapp per i gruppi di studio

Comincio dall’applicazione forse più conosciuta e diffusa, presente praticamente su ogni smartphone. Con Whatsapp è possibile formare facilmente dei gruppi di studenti coordinati dall’insegnante. È possibile condividere oltre ai messaggi, anche vocali (utilissimi ad esempio per registrare una lezione), immagini, schemi, diagrammi, video (videolezioni ad esempio). Magari anche semplicemente per rispondere a dubbi e quesiti degli studenti.

Con l’applicazione https://web.whatsapp.com/ è possibile utilizzare whatsapp anche sul pc, notebook, dove è più semplice l’utilizzo di una tastiera e la visualizzazione dei file trasmessi. Tutti, a partire dai ragazzini delle elementari utilizzano questo social ogni giorno, possiamo renderlo utile anche ai fini scolastici, tra l’altro in forma completamente gratuita.

I gruppi Facebook per l’educazione

Ci sono migliaia di gruppi Facebook perché non dedicarne alcuni all’educazione a distanza? Facebook è in assoluto il social più diffuso e i gruppi possono essere chiusi, limitando i partecipanti all’insegnante e agli studenti. Si possono inserire testi, immagini, grafici, schemi, fotografie, audio e video (video lezioni ad esempio). È un’applicazione semplice e utilizzata da molti.

Skype e la teleconferenza per la classe

Chi lavora spesso a distanza come noi, è abituato ad utilizzare Skype, ma per chi non lo è sappia che si tratta di un’applicazione gratuita di Microsoft utilizzabile sullo smartphone o su notebook, pc, etc. . Dopo una veloce registrazione è possibile chattare con altre persone, aprire dei gruppi e fare delle videochat di gruppo fino ad un massimo di 10 persone condividendo lo schermo. Magari si possono fare due e tre sessioni per per tutti se ci sono più studenti, oppure registrare la lezione con software gratuiti come Wondershare Filmora se non già inclusi nel pc o Mac.

Edmodo: il portale di riferimento

Edmodo è lo strumento forse più conosciuto al momento dagli insegnanti, è gratuito e il funzionamento abbastanza intuitivo. Con questa applicazione si possono creare delle classi virtuali, inviare messaggi, condividere materiali, predisporre delle verifiche e dei compiti con scadenza temporale. I genitori possono essere informati via email in copia.

L’email e le sue infinite risorse

Non volevo citarla perché sembra quasi una banalità, e invece l’email è proprio uno degli strumenti più semplici, efficaci e diffusi di comunicazione digitale dei quali disponiamo. È sufficiente creare una lista di iscritti e aggiornali via email ricevendo le risposte con la stessa modalità. Si possono allegare testi, documenti, immagini, video e audio. Semplice e veloce, alla portata di tutti. Google ma anche Tiscali ad esempio forniscono servizi di email gratuiti.

Volendo è anche possibile creare delle mailing list automatiche con strumenti tipo https://www.sendinblue.com/ dove si possono inviare automaticamente fino a 300 email al giorno gratuitamente.

Google Classroom: come organizzare la classe

Il nuovo strumento Classroom di Google è tra i più utilizzati in questi giorni da chi fa scuola a distanza. Si può creare una classe, condividere messaggi e documenti, video da YouTube (hai già visto il nostro canale?) l’indirizzo di riferimento è il seguente. https://classroom.google.com/

Classroom Google schermata

Il registro elettronico

Uno strumento molto utilizzato in genere dalle scuole medie in su è un po’ abbandonato alle scuole elementari. Essendo unicamente un genitore non ho accesso al backoffice del programma ma ritengo possa avere delle buone opportunità per essere utilizzato anche per la didattica.

Cosa serve per registrare un’audiolezione?

È semplicissimo farlo con qualsiasi smartphone, non serve uno studio di registrazione! Con ogni probabilità sul vostro smartphone avete già un’app per registrare i suoni e la voce, se non l’avete potreste utilizzare questa app gratuita come Registratore Vocale, è semplicissima da utilizzare. Premete il tasto ROSSO e potete registrare la vostra voce. Per terminare premete lo stesso pulsante e si genera un file al quale potete dare un nome e che rimane nella memoria del vostro telefono pronto ad essere inviato ai vostri studenti o corsisti con uno degli strumenti sopra indicati.

registratore lezioni online
Una schermata di Registratore Vocale

Cosa serve per registrare una videolezione?

Il sistema più semplice è posizionare lo smartphone di fronte a voi e utilizzare la fotocamera frontale dello stesso (un treppiede economico come questo potrebbe essere di aiuto). Anche in questo caso verrà generato un file video che troverete nella galleria immagini e video del telefono, pronto per essere inviato con gli strumenti sopra indicati. Se per registrare il video utilizzate la camera del pc potreste utilizzare un software come Wondershare Filmora per registrare lo schermo.

Se usate un Mac registrare un video con Quicktime Player è semplicissimo! Lanciate il software, nel menù scegliete File -> New Movie Recording -> accettate l’accesso a telecamera e registrazione audio quando vi sarà chiesto e fate click sul pulsante rosso, lo stesso che userete per fermare la registrazione. Il file che salverete lo potrete inviare con gli strumenti di cui sopra. Se chi riceve il file non riuscisse ad aprirlo possono utilizzare siti come questi per convertirlo in un formato leggibile dal loro pc https://www.onlinevideoconverter.com/

Se vi serve qualche esempio di lezione a distanza e di come è strutturato un corso guardate questo sito https://www.futurelearn.com/

Siamo dalla vostra parte

Questo post non ha nessuna volontà di essere polemico, anzi. Lo scopo è dare ai nostri bambini e ragazzi la possibilità di restare in linea con il loro percorso di studi, agli insegnanti gli strumenti per attuare la didattica a distanza, ai genitori un aiuto in questa situazione così ingarbugliata per l’emergenza corona virus. Se avete dubbi potete aggiungerli nei commenti o scrivere a info@bambiniconlavaligia.com . Cercheremo in base alla nostra disponibilità di darvi una risposta.

PS: se ho scritto cose non giuste o inesatte vi prego di correggermi, lo scopo di questo articolo è quello di informare e stimolare all’utilizzo di questi facili strumenti. Sono un genitore in difficoltà e il mio scopo è unicamente quello di rendermi utile con le conoscenze in mio possesso. Oggi ho dovuto rivedere i compiti di matematica di mio figlio, non riusciva a farli, dopo aver studiato un po’ in prima persona gli ho indicato la procedura, dopo mezzora è tornato da me dicendomi: “Grazie, mi serviva solo qualcuno che me lo spiegasse…”

Aggiungete i vostri suggerimenti utili sulla didattica a distanza nei commenti e Andrà Tutto Bene

La maestra Chiara ci ha inviato i suoi suggerimenti: Eccomi! Noi stiamo utilizzando Padlet, una bacheca virtuale che permette di condividere direttamente file (non solo on line ma anche Pdf), video, link, mappe interattive…. una bacheca virtuale con diversi post it😉. Inoltre mi sento di consigliare anche Kahoot per la creazione di giochi e quiz: molto divertente! Chiara

Una lodevole iniziativa è quella di Intesa Sanpaolo che regala agli studenti dalla scuola Primaria fino all’Università tre mesi di accesso gratuito alla piattaforma di didattica online Redooc.com per imparare materie come matematica, italiano, incluse le prove invalsi, preparandosi in modo interattivo e facile. Più info qui https://www.intesasanpaolo.com/it/common/landing/studiare-online.html

Ricordatevi che potete accedere alla stragrande maggioranza dei contenuti disponibili su internet anche attraverso la vostra SMART TV.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.