Blog
Leave a comment

Siena per i bambini

siena

Siena for kids: una citta’ a misura di bambino

Se si parla di Siena è normale pensare al Palio. E in effetti i senesi sono molto legati a questa loro tradizione ed è normale associarla alla città. Ma Siena non offre solo il Palio e grazie alla bellissima iniziativa organizzata dal Comune di Siena #sienaforkids abbiamo potuto personalmente apprezzare il patrimonio artistico e culturale di questa città e soprattutto l’attenzione rivolta ai nostri piccoli viaggiatori.

offerte viaggi gruppo vacanze bambini

L’Assessorato Politiche per il Turismo di Siena ha messo infatti a punto diverse iniziative per rendere la città “a misura di bambino”, coinvolgendo le famiglie a 360 gradi tra arte, storia e gastronomia. “Febbraio al Museo è un programma di eventi che si protrarranno fino alla fine di febbraio e che permetteranno di valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Siena non solo per i visitatori adulti, ma anche per i bambini, alla scoperta delle radici e delle istituzioni che hanno fatto la storia della città.

Cosa offre Siena ai Bambini

Siena offre in primo luogo una delle più belle e suggestive piazze che esistano al mondo, Piazza del Campo, attorno alla quale si sviluppa la città e dove è possibile ammirare il Palazzo del Comune con la torre del Mangia. Impossibile per i piccoli esploratori stare fermi: i nostri bambini si sono messi correre all’istante e credo che le parole “mamma grazie di avermi portato in una piazza cosi bella” rendano l’idea di come questa piazza li coinvolga!

Al Museo Civico, all’interno del Palazzo Comunale che è uno dei più importanti esempi di architettura gotica a livello mondiale, sono molte le occasioni per entrare in contatto con il fascino della storia. Ogni martedì, dalle ore 10 alle ore 18, le porte del Museo sono aperte gratuitamente ai visitatori. Per chi vuole approfondire le curiosità e gli aneddoti legate alle sale e alle opere, sempre ogni martedì, è possibile partecipare alle visite a pagamento con la guida di storiche dell’arte. Ogni domenica, per quattro settimane, invece si svolge la seconda edizione della rassegna “Teatro al Museo”. Gli attori della compagnia LaLut escono dalle opere d’arte del Civico per vestire i panni di ‘guide d’eccezione’: da Duccio di Buoninsegna a Simone Martini, fino al Podestà e al Guidoriccio. La guida diventa uno spettacolo che coinvolge i bambini che affascinati scoprono le opere d’arte presenti nelle Sale del palazzo Pubblico (durata circa 50 minuti). Noi abbiamo potuto assistere a tale spettacolo e i bambini ne sono rimasti davvero affascinati.

I quattro eventi si svolgono la domenica – il 7, 14, 21, 28 febbraio alle ore 15.

Il prezzo intero del biglietto è di 9 euro; 3 euro per residenti e studenti universitari e gratuito per bambini fino a 11 anni.

Per tutto il mese di febbraio, da giovedì a sabato, il Comune di Siena apre la Sala dei Costumi per presentare al pubblico le monture del Corteo Storico, indossate dai figuranti del Comune, nel corso della passeggiata storica che precede sempre la corsa del Palio (2 luglio e 16 agosto). Noi abbiamo avuto l’onore di visitare tale sala in anteprima i bambini sono rimasti a bocca aperta. Ci sono esposti i costumi delle varie contrade e si rimane coinvolti dalla magica atmosfera che qui si respira. La visita, a pagamento su prenotazione, si svolge da giovedì a sabato per tutto il mese di febbraio alle ore 21 con ritrovo nel Cortile del Podestà del Palazzo Comunale in Piazza del Campo. Le prime tre domeniche di febbraio (7, 14 e 21), alle ore 11, è possibile scoprire, in via eccezionale, le ‘Stanze Segrete’ al piano terra del Palazzo offrendo la possibilità di visitare spazi e opere d’arte solitamente non accessibili.

Ogni domenica i visitatori possono scegliere di acquistare un biglietto cumulativo di 15 euro per trascorrere l’intera giornata a Siena, prima con la visita alle ‘Stanze Segrete” poi con la partecipazione a Teatro al Museo, il costo del biglietto ridotto per residenti e studenti è di 3 euro e gratuito per bambini fino a 11 anni. Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13, al numero. 0577 292614/15 o scrivere una mail a ticket@comune.siena.it.

Ogni sabato, dal 6 al 27 febbraio, con partenza alle ore 15 da Piazza Duomo c’è l’appuntamento con #sienafrancigenakids, il primo trekking urbano sulla Via Francigena, dedicato ai bambini (quindi un itinerario ridotto dedicato a loro). I ‘baby pellegrini’ si ritrovano al Santa Maria della Scala, uno degli ospedali più antichi d’Europa, accolti da una balia medievale (Gioconda) che racconta la storia di Siena e l’importanza strategica della città per i viandanti e i pellegrini diretti a Roma da Canterbury.

I ‘piccoli pellegrini’ scoprono con la guida della balia la Sala del Pellegrinaio e i suoi affreschi, raffiguranti scene di vita e personaggi al tempo del Medioevo: dai gittatelli (bambini abbandonati) ai frati e alle monache che curavano spirito e piaghe del viaggio fino ai poveri e ai viandanti. All’interno del Santa Maria della Scala, viene consegnato a tutti i partecipanti lo

“Zainetto ufficiale di #SienaFrancigenaKids” con una cartolina da colorare e la “Merenda del Pellegrino”. Dopo la sosta ‘golosa’ i piccoli riprendono il viaggio, accompagnati dalla Balia, per arrivare fino a Porta Romana.

Il costo del biglietto è di 7,50 euro per bambini fino a 14 anni di età e di 10 euro per gli accompagnatori ed è comprensivo di guida, ingresso al Santa Maria della Scala, visita guidata teatralizzata al Pellegrinaio, zainetto ufficiale di #SienaFrancigenaKids, la Merenda del Pellegrino, per i bambini, e la Pausa Caffè dolce, per gli adulti presso il bar all’interno del Complesso Santa Maria della Scala. È possibile prenotare, entro le ore 13.30 del sabato, chiamando i numeri 347-6137678 e 348-0216972 oppure inviando un’e-mail all’indirizzo sienasms@c-way.it. La partenza è garantita indipendentemente dal numero dei partecipanti.

All’interno del complesso museale Santa Maria della Scala si trova il Museo d’arte per bambini, aperto dal 1998 e comprendente una collezione di circa 400 le opere. La particolarità è quella di abbracciare l’infanzia come soggetto rappresentato o destinatario delle opere. all’infanzia La collezione del Museo raccoglie opere dedicate o rivolte – per intento degli artisti – all’infanzia. Le opere di più periodi storici, dall’antico al contemporaneo, sono unite per argomenti e la loro natura va dalla pittura su tela o su tavola fino alla fotografia o al video, comprendendo anche la scultura e le installazioni.

La collezione presenta una vasta gamma di soluzioni artistiche, dalla scultura alla pittura, dalla fotografia al video fino all’installazione. C’è una zona che sfugge al “controllo”: la graffiti area, lo spazio riservato alla libera azione creativa dei bambini, dove i più piccoli possono esprimersi in libertà. Di fronte alla collezione è stato recentemente allestito il family corner, ambiente pensato per la comodità dei piccoli e dei loro accompagnatori. Il Museo organizza visite didattiche e laboratori per bambini da 3 ai 14 anni. Per informazioni www.santamariadellascala.com.

All’Orto Botanico ogni sabato e domenica, dalle ore 10 alle ore 16, è possibile partecipare alla Caccia al tesoro verde per grandi e piccini. Ai bambini viene consegnata una mappa con tante piante da trovare all’interno dell’orto. I bambini e le loro famiglie possono scoprire piante esotiche e non, seguendo una mappa che li porterà a scoprire diversi habitat naturali: dal deserto alla foresta pluviale fino a quello delle foreste temperate fredde. Bellissimo il tesoro: una matita magica che, una volta consumata, può essere piantata in modo tale che il bambino possa vederla crescere in un vasetto. Il costo del biglietto singolo è di 5 euro, mentre quello per le famiglie è di 10 euro. I bambini fino a 12 anni entrano gratis. Per informazioni è possibile contattare il numero 335 7371186.

Per poter far sfogare i bambini oltre a Piazza del Campo è possibile andare all’Orto Dè Pecci. Qui, nonostante l’Orto sia a poche centinaia di metri da Piazza del Campo, sembra di essere in un altro mondo non più in città ma in piena campagna, con tanti animali da guardare e un bel prato dove correre. Gli spazi e le attività sono gestiti dalla Cooperativa La Proposta per inserire soggetti svantaggiati che provengono dal disagio psichiatrico e da altre situazioni di marginalità. Presso l’Orto de’ Pecci è possibile anche fare una sosta culinaria nell’ottimo ristorante. Bellissimo pranzare nel bersò chiuso e riscaldato mentre i bambini possono sfogarsi correndo nei prati. In Primavera l’Orto diventa anche Fattoria didattica cosi i più piccoli imparano a conoscere la campagna ed entrano in contatto con gli animali. Al momento e durante l’anno giubilare, presso l’Orto è esposta una scultura moderna dell’artista Justin Peyser dal titolo “Open Mind”, una grande testa metallica dove è possibile entrare, invitati dall’artista a viaggiare dentro i meandri della propria mente.

(per i bambini impossibile resistere!).

Ogni sabato presso la Biblioteca comunale degli Intronati, in via della Sapienza, dalla 11 alle 12 si svolgono letture animate, ciascuna delle quali è seguita da un laboratorio pratico – manuale – sensoriale. E’ necessaria la prenotazione. Calendario ed informazioni reperibili sul sito http://www.bibliotecasiena.it/eventi_news/dettaglio/463-letture-animate-in-biblioteca-per-bambini-e-ragazzi.

I nostri piccoli viaggiatori hanno potuto infine anche trasformarsi in piccoli chef grazie all’aiuto dello Chef Maurizio Corridori della scuola di cucina internazionale International Chef Academy Of Tuscany, situata nel Palazzo ottocentesco Raveggi nel centro di Siena. Grazie al suo aiuto i nostri piccoli cuochi hanno imparato a preparare buonissime bruschette e deliziosi muffins alle mele. Presso l’accademia si organizzano corsi culinari per grandi e piccini. Per informazioni internationalchefacademy@gmail.com.

Un’altra scuola dove è possibile far provare l’esperienza culinaria senese e toscana ai nostri piccoli è la Scuola di Cucina di Lella, nel centro storico di Siena in via di Fontebranda, fondata nel 1996 da Lella Cesari .

Per informazioni www.scuoladicucinadilella.net.

Dove mangiare a Siena

Noi abbiamo mangiato all’Orto Dè Pecci, con i bambini liberi di correre non appena finito il menù a loro dedicato. Ai piccoli viene regalato anche un piccolo libricino con tanti giochi da fare per distrarsi.

Inoltre abbiamo pranzato divinamente al ristorante in stile medioevale Gallo Nero, http://www.gallonero.it/ .

Dove dormire a Siena

Per il nostro soggiorno abbiamo alloggiato presso l’Hotel Minerva, un hotel 3 stelle che possiede ampie camere familiari ed è comodo per raggiungere il centro a piedi. L’hotel ha un parcheggio privato al costo di 12 euro a notte. La colazione è abbastanza varia e possiede un angolo dedicato ai bambini. Il sito dell’hotel è http://albergominerva.it/

Come prepararsi a una visita a Siena

Anche a questo aspetto hanno pensato a Siena: infatti sono state realizzate delle guide ad hoc per bambini, in vendita presso la libreria del Complesso Museale Santa Maria della Scala. Bellissime, con tante immagini e spiegate con parole semplici adatte ai piccoli viaggiatori. 

Inoltre a breve sarà in commercio un divertente libro contenente 3 Divertimappe, con giochi e tante informazioni su Siena.

Per far divertire i bambini e parlare loro della manifestazione più importante senese, il Palio, in commercio c’è anche un fantastico gioco in scatola: http://www.dungeondice.it/1492-gioco-da-tavolo-Palio.html

In un weekend queste sono le esperienze che abbiamo potuto sperimentare ed apprezzare. Ma il Comune ha molte altre iniziative in programma per il “Febbraio al Museo”. Per tutto l’elenco delle iniziative si può consultare il sito http://www.enjoysiena.it/it/.

Muniti di guide e calendario eventi alla mano non resta dunque che partire e lasciarsi coinvolgere con i propri piccoli alla scoperta di questa splendida città!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.