Blog
comments 2

Sicilia tour, a spasso per l’isola

sicilia tour

Un vero Sicilia tour in famiglia

Questo racconto ha partecipato al CONTEST ” WOW CHE Viaggio! “con riconoscimento al racconto più votato di un fine settimana per tutta la famiglia al family Hotel San Giuseppe di Finale Ligure.

Dopo aver spento la prima candelina, abbiamo deciso che era arrivato il momento per la nostra piccola di fare una bella vacanza in Sicilia.

Partiti da Udine, dopo un volo da Venezia a Catania, abbiamo noleggiato un’auto con seggiolino e ci siamo diretti a Furci Siculo, un piccolo paesino in riva al mare a 20 km da Taormina.

Come tutte le neo mamme un po’ apprensive mi sono portata dietro tutto quello che temevo potesse servire, compresi i vasetti di pappe pronte, senza immaginare che questa vacanza avrebbe segnato la fine per sempre del capitolo “pappe”. Come biasimarla di fronte a un piatto di pasta alla norma o un bel pesce al forno con le patate?

In 10 giorni abbiamo percorso più di 1000 km visitando tutta la costa orientale dell’isola.

Semplicemente incantevole Taormina con il suo Antico Teatro Romano e la spiaggia di Isola bella dove siamo scesi a rinfrescarci e prendere il sole.

Molto carina e rilassante anche la spiaggia di Giardini-Naxos, sosta guadagnata ampiamente dopo la lunga visita al Museo Archeologico contenente i resti della civiltà greca e al parco Archeologico dove in mezzo agli ulivi e ai cactus c’eravamo solo noi, d’altronde a luglio con quel caldo…

Ma la Sicilia non è solo sole, mare e spiaggia, tant’è che dopo una serata in compagnia sulla piazzetta di Zafferana Etnea a degustare una squisita “siciliana”, decidiamo di avventurarci il giorno dopo sul versante sud dell’Etna.

Dopo pochi km di tornanti il paesaggio è totalmente trasformato, gli alberi sempre più radi e la terra sempre più scura. Arrivati al rifugio Sapienza a 1990 mt sembra di essere finiti su un altro pianeta.

Dopo aver ammirato un paesaggio lunare che si perde verso il mare, ormai quasi all’ora del tramonto, decidiamo di far quattro passi per vedere i crateri silvestri.

La bimba sembra divertita a camminare dentro questo enorme imbuto di terra scura.

Ma la Sicilia è anche arte e cultura e quindi rinunciamo ad un altro giorno di spiaggia per visitare Catania. Guidati dal nostro amico siculo, lungo il cammino abbiamo fatto una doverosa tappa ad Aci Reale per degustare una favolosa granita artigianale con brioches ed una tappa ad Aci Castello per una passeggiata lungo il porto.

Arrivati a Catania a pomeriggio ormai inoltrato la visita alla città è stata un po’ veloce ma devo dire che la è davvero bella e ricca di piazze, chiese, fontane. Insomma meritava davvero una capatina.

Per non farci mancare nulla i giorni successivi abbiamo anche visitato la bella città di Messina per poi proseguire verso Milazzo. Dopo un buon pranzetto, per smaltire le calorie abbiamo proseguito verso Capo Milazzo e dopo un sentierino di sassi in mezzo agli ulivi e ai fichi d’india siamo arrivati con bimba in spalla fino alla piscina di Venere, di sicuro la fatica è stata ripagata dal panorama.

Che dire, come primo viaggio niente male, di sicuro il primo di una lunga serie.

Sonia

2 Comments

  1. Avatar
    veronica says

    ciao potete dirmi dove avete dormito x favore…vorrei andare con un bimbo di 15 mesi grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.