Blog
Leave a comment

Riviera del Conero ed entroterra

riviera del conero

La Riviera del Conero ha un entroterra ricco di borghi storici tra i più belli d’Italia

Trascorriamo una settimana a Numana, piccolo centro turistico situato sul lungomare della Riviera del Conero e ne approfittiamo per conoscere una territorio ricco di storia e cultura, le Marche.

La Riviera del Conero è ricca di un mare azzurro e cristallino, offre diverse spiagge, alcune tra le più belle d’Italia, ad esempio quella un po’ nascosta delle Due Sorelle, tutta di sassolini bianchi con i due grandi scogli che le fanno da custodi (ne parleremo tra poco). Ma anche il litorale di Marcelli e quello di Numana, tutto sassolini davanti all’azzurro del Mare Adriatico, l’acqua diventa profonda abbastanza velocemente perciò, se avete bambini con voi fate attenzione.

Visitare le Marche è l’occasione per girovagare tra borghi storici come Montelupone e MonteCassiano, tra localita’ turistiche come Sirolo e siti storici come le Grotte di Camerano (affascinanti). I paesaggi che incontriamo sono qualcosa di incredibile. Prima di tutto i campi di girasole, enormi, distese di questi grandi fiori gialli che modellano i campi tra le colline, verrebbe voglia di farsi una corsa in mezzo… detto fatto, sfidando le ire di qualche contadino tutti assieme ci ritroviamo a farci i selfie in mezzo agli alti steli. C’è pure qualche apina gentile che si lascia fotografare mentre si appoggia sui semini tra i petali. Ogni stradina sembra fatta per far da sfondo ad una foto ricordo, quelle sterrate in sassolini bianchi sono particolarmente invitanti, anche in questo caso non rinunciamo a sporcare un po’ la macchina, non voglio far perdere questa piccola avventura ai miei piccoli, lo faceva sempre mio padre con me, perché non lo devo fare io !

Via, allora, con gli alberi ai lati, i campi e le colline che spadroneggiano ovunque, quanto verde, e quanto bello è questo territorio. Lo spettacolo continua quando ci si avvicina ai borghi, le prime case e poi il centro del paese, talvolta qualche rocca o castello, la chiesa, le stradine e la gente, magari qualche vecchietto seduto sulla sedia danti a casa, immagini di un Italia di provincia, affascinante nella sua semplicità. Non ci facciamo mancare un assaggio del Ciauscolo, un salame fresco, ma tanto fresco che si può spalmare sul pane, da leccarsi i baffi direbbe qualcuno, in effetti è una merenda che gustiamo alla grande, seduti su di una panchina di Recanati, davanti ad uno scenario da cartolina.

Approfittiamo anche per goderci un po’ di questo mare della Riviera del Conero in relax. Una gita organizzata, da me temuta (soffro particolarmente il mal di mare), ci porta proprio alla spiaggia delle Due Sorelle facendoci scoprire lo spettacolo naturale più affascinante di questo parco naturale. Nonostante il mare mosso, lo spettacolo che ci attende è davvero emozionante. Le due sorelle, questi due enormi scogli diventati simbolo della Riviera del Conero si ergono in mare maestosi e sovrani su un territorio incontaminato. E’ raggiungibile solo via mare, non sono presenti strutture turistiche né bar, è consigliabile dotarsi di qualche snacks ed almeno una bottiglia d’acqua. La spiaggia è un arenile di sassi bianchi che contrasta il colore azzurro del cielo e quello del mare.

La particolarità di questa gita è che l’imbarcazione che ci porta, “Simba” si chiama, letteralmente si spiaggia, el senso che arriva con la prua sino a riva e caa una scaletta per salirci sopra, ciò avviene sia per farci salire alla spiaggia di Marcelli di Numana che per sbarcarci alle Due Sorelle. Una vera avventura quasi piratesca! Abbiamo circa un’ora e mezza per fare un bagno, le onde sono così divertenti che ci sarebbe voluto più tempo per godercela, ma ci accontentiamo e ci ripromettiamo di tornare.

Cosa ci è piaciuto di più di questa vacanza? Il mare della Riviera del Conero, certamente, ma l’entroterra ci ha affascinato, il tempo a nostra disposizione era solo di qualche giorno, ma qui ci vuole qualcosa di più. Innanzitutto c’è la necessità di prendersi il giusto tempo per visitare questi che sono tra i borghi più belli d’Italia, secondo noi è meglio non fissarsi troppe mete ed un itinerario preciso, meglio lasciarsi trasportare dall’istinto e vagare, si vagare tra queste meraviglia che sono le Marche.

Per i bambini: le spiagge della Riviera del Conero, sicuramente, non c’è la sabbia ma i sassolini sono sottili e permettono ugualmente di fare qualche costruzione, ci sono diversi stabilimenti con le piscine e gli scivoli, quindi nessuna paura di annoiarsi. Se valutate un tour nell’entroterra i castelli sono sicuramente interessanti e cattura attenzione per i bimbi, fiabe e racconti sono sempre ricchi di leggende, principi e principesse, lo scoprire dal vivo gli ambienti di queste storie non potrà che carpire la loro attenzione. Nelle Marche, Riviera del Conero ed entroterra, c’è tanta natura e tanto verde, un buon deterrente per riportare i bambini di città ad un ambiente più confacente alle corse all’aria aperta. Ultimo in lista ma non in importanza nelle Marche si mangia bene, i piccoli viaggiatori sapranno apprezzare più e meglio di voi questa peculiarità non da poco! Riviera del Conero arrivederci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.