Blog
comment 1

Programmare un viaggio con bambini, come fare

programmare un viaggio con i bambini

Trucchi per programmare un viaggio con i bambini

Ognuno ha il suo stile, questo é vero, ma nel programmare un viaggio con i bambini ci sono alcune semplice regole che vi possono semplificare di molto l’elaborazione del vostro progetto. Si, perché di proprio di un progetto si tratta, con tutti i suoi tasselli da sistemare, particolari che sono date, luoghi da visitare, trasferimenti, alloggio e quant’altro.

Schematizzare é un sistema vincente, o almeno é il sistema che noi utilizziamo abitualmente per non perderci tra le molte informazioni tra le quali bisogna destreggiarsi, una matassa particolarmente intricata.

In genere cominciamo scegliendo le date, fondamentale la disponibilità lavorativa di entrambi i genitori, poi cerchiamo di dare un’occhiata al calendario della scuola dei bambini. Se non é un periodo di vacanza scolastica cerchiamo sempre di inserire delle date con ponti o festività nazionali e/o religiose in modo da limitare il numero di giorni di assenza. Seppure talvolta gli insegnanti non guardino di occhio buono i viaggi nel bel mezzo dell’anno scolastico cerchiamo di affrontare la cose, e gli insegnanti stessi, di petto, ci andiamo a parlare prima di partire e gli spieghiamo che per ragioni logistiche ed economiche non é possibile viaggiare in un periodo diverso, gli chiediamo il programma delle lezioni in anticipo e cerchiamo di dedicare anche in viaggio uno spazio allo studio. Solitamente sono gli insegnati stessi a ricordarci che il viaggiare stesso é apprendere.

Scelta più o meno la data ed il periodo di viaggio si passa alla fase successiva, la ricerca del volo, se é questo il mezzo di trasporto. Chiaramente le date con le offerte migliori non combaciano mai ! Inevitabile ma sormontabile, magari scegliendo due linee o aeroporti diversi, uno per l’andata ed una per il ritorno. Biglietti o prenotazione alla mano la fase immediatamente successiva é quella dell’alloggio. Internet é un’ottima fonte ed i siti di prenotazione online abbondano. Spesso però, ed é quello che ci dicono i gestori degli alberghi, i commenti non sono proprio “originali” e pertanto é sempre meglio incrociare le recensioni tra i diversi siti e soprattutto affidarsi ai blog di viaggi personali dove si possono trovare descrizioni maggiormente complete e veritiere. Pertanto in base ai luoghi che si vuole visitare, città, paesi, comprensori, si scelgono gli alberghi in zone strategiche per vicinanza e comunicazione.

Se i vostri bambini sono già avvezzi al viaggiare il fatto di fare un viaggio itinerante e di cambiare spesso albergo non causerà loro particolari traumi, chiaramente però i figli sono i vostri e chi meglio di voi saprà capire quale scelta fare, é il duro lavoro di mamma e papà. Un consiglio che vi possiamo dare é quello di utilizzare il servizio di google street maps per verificare con le fotografie e le panoramiche 3d com’é la zona nella quale si trova il vostro albergo o appartamento. Avrete anche modo di valutare la presenza di servizi essenziali quali farmacia, negozi, supermarket o ristoranti. Per quest’ultimi se cercate qualcosa adatta ai piccoli provate anche sulla nostra mappa dei ristoranti per bambini, magari trovate qualcosa di carino, e se non c’è ancora sulla mappa ce lo segnalate ad info@bambiniconlavaligia.it.

Nel programmare un viaggio con i bambini trovati i luoghi “del dormire” noi generalmente passiamo alla definizione di cosa visitare. Anche qui internet é una fonte di massimo rispetto, a partire dal sito dell’ente del turismo locale sino ai blog di viaggi, perché é utile anche il parere di chi non “vende” direttamente la destinazione. Al giorno d’oggi i maggiori musei ed attrazioni in genere sono dotati di un sito web, sugli stessi trovate anche i servizi offerti specificatamente alle famiglie. La lettura di un diario di viaggio nel luogo di destinazione é sicuramente un ulteriore opzione a cinque stelle, magari trovate qualche spunto che non avete trovato da altre fonti.

Con i bambini noi cerchiamo sempre di progettare delle visite che possano essere confacenti all’intera famiglia, perciò cerchiamo di abbinare la visite ai musei a qualcosa di più leggero, come un parco giochi o un’attrazione per bambini, anche loro hanno i loro tempi e vanno rispettati, mai troppe cose da vedere in un solo giorno.

Ricordatevi nell’organizzazione e programmazione del vostro viaggio alcuni punti essenziali come il transfert dall’aeroporto al vostro alloggio, taxi, bus o treno che sia, spesso si arriva stanchi e la sensazione di sentirsi persi in un luogo lontano con i bimbi appresso non é piacevole. I siti web delle stazioni aeroportuali sapranno darvi le informazioni utili per rintracciare l’hub dei pullman, il parcheggio dei taxi o la stazione ferroviaria.

Un ultimo consiglio, ma non in ordine di importanza, fatevi un preventivo di spesa di massima, mettete in conto anche i trasferimenti, il costo dei biglietti di ingresso alle attrazioni ed approssimativamente il costo dei pasti più qualche extra, le sorprese di sforamento budget non sono mai piacevoli. Buon viaggio !

1 Comment

  1. Pingback: Aeroporto da sogno - bambiniconlavaligia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.