LifeStyle
comments 7

Ogni mamma dovrebbe pensare al futuro

mamma

Ogni mamma puo’ aiutare i bambini a cresce sani

Mi ricordo ancora quando arrivata in ospedale con le prime contrazioni ho chiesto dopo essermi documentata on line se si poteva conservare il cordone ombelicale. La risposta che in quel momento mi aveva gelata era stata “Signora mi dispiace ma qui ancora non siamo attrezzati,bisognerebbe chiamare un’equipe esterna e non so se facciamo in tempo”.

Il tempo c’è sempre per le cose importanti, i soldi ci sono sempre per chi li vuole avere, come mai in quel ospedale non era possibile conservare il cordone ombelicale, come mai! Che sia stato per i mei figli oppure per altri bambini poco importa, l’importante è poter dar vita e speranza a chi ne ha bisogno con un semplice gesto che non toglie nulla a chi lo fa.

Pochi giorni fa, dopo quasi 10 anni da quella risposta scopro che a Treviso, poco distante da noi c’è una banca di sangue del cordone ombelicale, un banca che vale piu’ i tutte le banche dove vengono deposti i soldi. In questa banca vengono conservate delle cellule, per noi comuni mortali hanno un nome difficilissimo, cellule staminali mesenchimali, che possono essere utilizzate per curare 80 tipi di malattia diverse, solo per citarne alcune curano la Sla, della sclerosi multipla, nell’autismo e addirittura nella paralisi celebrale. Peccato che questa banca sia in gardo di raccogliere e conservare pochi campioni, come del resto anche le altre 19 dislocate in tutto il territorio italiano. 

L’unica soluzione per pochi migliaia di euro e’ rivolgersi a una banca privata. 

Il Gruppo Farmicord, banca privata del cordone ombelicale e’ da anni attiva nel ritiro e nella conservazione del cordone ombelicale, inoltre sono da anni attivi nella ricerca dove viene studiato l’impiego terapeutico di queste particolari cellule.

In molti paesi del mondo conservare il cordone ombelicale del proprio bimbo è una prassi consolidata, come anche donarla a una banca comune. Credo che noi mamme ma anche i papà sono molti sensibili quando si parla della salute dei propri figli, a queste mamme a a questi papà vorrei dirvi di non fermarvi a risposte come quelle che sono state date a me 10 anni fa ma di approffondire il discorso, perchè conservare le cellule staminali non è piu’ un’utopia ma una realtà anche se in Italia ad oggi solo il 5% dei cordoni ombelicali viene conservato, il resto gettato come rifiuto speciale, questa è una vera tragedia per i nostri bimbi

7 Comments

  1. Avatar
    Cristina says

    In Italia è possibile firmare un modulo che autorizza l’ospedale a DONARE il cordone ombelicale ad istituti di ricerca: questa operazione non ha costi e permette alla scienza di avanzare nello sviluppo di terapie per TUTTI, non solo per chi può pagare per la conservazione del suo cordone…

  2. Avatar
    Bingogoò says

    Ciao Giulia,
    condivido quello che dici sulla donazione dei cordoni ombelicali…..Hai mai sentito parlare del parto lotus? Il vera donazione va fatto ai nostri figli! In Italia c’é ancora tanta ignoranza.

  3. Avatar
    silvia montibeller says

    Purtroppo le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale attualmente non curano la Sla, nè la sclerosi multipla, nè l’autismo e nemmeno un proprio tumore del sangue, poichè in questo caso le cellule maligne sarebbero troppo “simili” a quelle staminali. Curano però le malattie del sangue di un altro bambino, qualora vi fosse bisogno, e sono utilissime per la ricerca.
    Quello che può salvare un bambino non è il gesto della sua mamma alla nascita ma la generosità di un’altra mamma. Quindi, siamo solidali, doniamo il cordone, e per non rimanere delusi informiamoci ben prima su cosa offre l’ospedale in cui vogliamo partorire (percentuali di cesarei, sostegno all’allattamento…)
    Mi piacete tantissimo quando parlate di viaggi, non quando entrate in campi non vostri e specialistici. Lo stesso per il post su Humana. Non so se latte due o tre. Se latte due ė un prodotto coperto dal Codice sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno di cui non si dovrebbe fare pubblicità. Se latte tre non ha ragione di esistere ( va benissimo il latte vaccino, vedi linee guida europee). Sono un medico, scrivete di viaggi dove siete davvero bravi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.