Blog
comment 1

Natale a Monaco di Baviera – I parte

natale a monaco

Natale a Monaco, la capitale della Baviera – visita della città

Quest’anno la scelta per la nostra vacanza invernale è ricaduta su una meta TOP dei mercatini di Natale, la splendida città tedesca Monaco di Baviera. Ne avevamo sentito parlare ovunque, io ci ero già stata due volte in estate ma non ero pronta ad una bellezza cosi devastante in inverno.
Monaco di Baviera è la capitale di una regione tedesca, la Baviera, ed è in primis famosa per  l’Oktoberfest, la celebre festa della birra, che porta in città ogni anno circa 6 milioni di persone.
La città nel periodo natalizio si riempie di luci e colori, ovunque si vada ci sono addobbi natalizi e le classiche casette in legno che propongono prodotti tipici dai sapori e odori tipicamente nordici o splendide decorazioni natalizie. Ovunque risuonano melodie natalizie e ogni piazza si addobba a festa; è impossibile non rimanere travolti dall’aria natalizia che questa città sprigiona. Per cui abbiamo approfittato del lungo ponte dell’Immacolata e siamo partiti alla volta di Monaco.

 

Come raggiungere Monaco di Baviera

Il metodo più veloce di sicuro è l’aereo. Molte compagnie low cost collegano l’Italia a Monaco; una volta in aeroporto poi si può raggiungere il centro con la metropolitana in circa 40 minuti.
Purtroppo la meta è stata decisa troppo tardi e i voli non erano più convenienti, per cui abbiamo optato per la macchina. Un viaggio certamente più lungo ma che ci ha dato la possibilità di visitare anche qualcosa oltre alla città di Monaco.
Partendo da Lecco e sapendo che la data della partenza era molto gettonata abbiamo scelto di fare una sosta nel paese di Ora, presso il Bio-Hotel & Residence Kaufmann, un hotel comodissimo perché poco fuori dall’uscita dell’autostrada, comodo dunque per una sosta notturna e per essere pronti per una rapida partenza il giorno dopo. La colazione è abbondante e di ottima qualità, il che non guasta.
Questa sosta ci ha permesso di spezzare il viaggio e di partire riposati la mattina presto seguente alla volta di Monaco.
Al ritorno invece abbiamo scelto di fare tappa a Trento, presso l’hotel Sporting Trento  sempre comodo all’uscita dell’autostrada e con una buona colazione, magari meno caratteristico e più anonimo di quello di Ora. Questa sosta ci ha permesso di fare una tappa ai castelli di Ludwig in Baviera a sud di Monaco (Castelli di Neuschwanstein e di Lindherof) prima di tornare in Italia e, dopo esserci riposati la notte, di visitare i mercatini di Natale di Trento il giorno seguente.

Attenzione che se si attraversa l’Austria è necessario acquistare la Vignette presso i distributori di benzina in prossimità della frontiera o presso una sede ACI prima di intraprendere il viaggio. Per 10 giorni la Vignette costa 8,70 euro.
Se in alternativa si attraversa la Svizzera, il bollo annuale costa 40 euro.
Le autostrade tedesche sono invece gratuite.

Cosa vedere a Monaco di Baviera

A Monaco c’è l’imbarazzo della scelta. Noi abbiamo avuto la fortuna di avere a disposizione 3 giorni pieni e questo periodo di tempo permette una discreta visita della città. Ovviamente se si avesse a disposizione uno o due giorni in più non ci si annoierebbe perché le cose da fare sono svariate.
Per farsi un’idea della città ho consultato oltre alla Lonely Planet relativa a Monaco e Baviera, anche questi siti:
http://www.bavieraturismo.it/mercatini-di-natale-monaco-di-baviera
http://www.tuttobaviera.it/monaco.html

In primis a Monaco ci si deve “perdere” nel centro storico: si può partire da Marienplatz, la piazza principale dove si trova il nuovo municipio (Neue Rathaus) con il celebre Glockenspiel , il più grande carillon della Germania che si aziona tre volte al giorno: alle 11, alle 12 e, da marzo a ottobre, anche alle 17. E’ possibile salire sulla torre, tramite ascensore. La vista è spettacolare, soprattutto al tramonto. Da lasciare senza fiato perché permette di vedere dall’alto gran parte della città che quando è decorata per il Natale diventa un arcobaleno di colori. Questa piazza è il cuore pulsante di Monaco, dove si può mangiare o fare shopping. E’ completamente pedonale per cui è sicurissima per i bambini. Nel periodo natalizio (dalla fine di novembre al 24 dicembre) Marienplatz ospita il Christkindlmarkt (Mercatino di Gesù Bambino), il principale mercatino di Natale di monaco: un grande abete illuminato da luci bianche, casette in legno che vendono addobbi, prodotti tipici dell’artigianato e della gastronomia locale; si possono gustare i mitici paninozzi con crauti e wurstel o bere qualcosa di caldo; per i bambini (e non solo….) assolutamente da non perdere il Kinderpunsch, una bevanda calda analcolica servita in una caratteristica tazza personalizzata, che riscalda nelle giornate più fredde. Se si desidera si può tenere la tazza di ricordo (noi siamo collezionisti da anni di tazze dei mercatini, un bellissimo ricordo dei viaggi fatti).
Nell’Alte Rathaus (Vecchio municipio) è ospitato il museo del giocattolo.

Da Marienplatz si può camminare e vagare nelle stradine del centro storico. Noi camminando abbiamo raggiunto il Rindermarkt, un’altra piazzetta che ospita un mercatino di Natale con al centro un bellissimo chiosco sormontato da un carillon in legno con statuine che ruotano. Il Rindermarkt è probabilmente il maggior mercato del presepe in tutta la Germania: qui si trova tutto ciò che occorre per il presepe. Qui si trova anche un bellissimo presepe.

Sempre a piedi si può raggiungere il Il Viktualienmarkt, il più famoso mercato di Monaco, in funzione da oltre due secoli e uno dei pochi mercati ad essere aperto dal lunedì al sabato. A Natale anche questo mercato si addobba a festa e noi siamo stati fortunatissimi a poter incontrare niente popò di meno che San Nicolaus che ci ha regalato mandarini e mele fresche. Ovviamente questo incontro ha elettrizzato i nostri piccoli viaggiatori.

Raggiungibile a piedi dal centro o tramite metropolitana, c’è la Karlsplatz (Stachus) che ospita un altro mercatino di Natale e una pista di pattinaggio su ghiaccio.

Nel periodo natalizio, presso Sendlinger Tor, parte il Christmas Tram, un tram decorato in versione natalizia che permette di fare un giro della città ascoltando musiche natalizie e con la possibilità di gustare dolcetti tipici e bere qualcosa di caldo. Molto carino coi bambini. Il giro dura mezz’oretta. Per maggiori informazioni
 http://www.muenchen.de/rathaus/home_en/Tourist-Office/Events/Christmas/Fuehrungen_e
Un po’ più distante, ma comunque fattibile a piedi (noi abbiamo preso la metro) c’è Odeonsplatz, una delle piazze più belle di Monaco. Qui si trova la Theatinekirche, la chiesa di corte costruita per i padri Teatini e primo esempio di barocco italiano in Baviera, e la Feldherrnhalle, la copia della Loggia dei Lanzi di Firenze. Dove nel 1923 avvenne il Putsch di Monaco, il fallito colpo di Stato col quale Hitler e i nazisti della prima ora volevano prendere il potere.

Nei pressi della Odeonsplatz si trova la bellissima Residenz, ovvero il Palazzo Reale di Monaco. Qui noi abbiamo acquistato l’abbonamento familiare di 14 giorni ai castelli che permette di entrare ad un prezzo agevolato (44 euro tutta la famiglia due adulti e due bambini sotto i 18 anni) in diverse residenze e palazzi della Baviera. Conviene farsi un’idea di cosa si desidera visitare, in quanto per circa 3 residenze visitate conviene di gran lunga l’abbonamento, che comprende anche i favolosi castelli di Ludwig II (castelli di  Neuschwanstein e di Lindherof, a circa 2 orette da Monaco) e il castello di Nymphenburg a Monaco.
Qui trovate l’elenco completo dei castelli e residenze comprese nell’abbonamento
http://www.tuttobaviera.it/residenze-statali.pdf.


Per quanto riguarda la Residenz, le sale che si possono visitare sono tantissime. La visita si fa con audio guida in diverse lingue (compreso l’italiano) e personalmente, da amante di castelli e residenze varie, questa audio-visita mi ha un po’ delusa. L’audio-guida non va dritta al punto, è molto “logorroica” e si perde in dettagli al limite del noioso per adulti, figuriamoci per bambini… le sale sono tante e una più bella dell’altra per cui a mio avviso sarebbe stato preferibile una descrizione di ognuna più concisa che valorizzasse quanto visto senza tediare l’ascoltatore. Dunque durante la prima parte della visita abbiamo diligentemente sentito tutto e ci abbiamo messo una vita, la seconda parte abbiamo deciso di rendere la visita più piacevole limitando l’uso dell’audio-guida a massimo un ascolto a stanza (si, perché nonostante le numerose stanze, quasi per ciascuna stanza ci sono anche più punti di ascolto!). lo stesso discorso vale per il museo del Tesoro adiacente alla Residenz (biglietto compreso nell’abbonamento castelli): ogni oggetto esposto ha la spiegazione tramite audio guida… vedete voi cosa ascoltare per non rischiare di passarci 5 giorni dentro! Degno di nota e sempre compreso nell’abbonamento castelli è il teatro Cuvilliés, un teatro splendido in stile rococò all’interno del complesso della Residenz. I bambini sono rimasti a bocca aperta da tale splendore e ricchezza!
Nel cortile della Residenz si trova uno dei mercatini di Natale che abbiamo preferito: piccolo e grazioso, un vero gioiellino. Oltre alle normali casette con prodotti tipici, in questo mercatino si possono trovare delle fiabe animate e la slitta di Babbo Natale con le renne per far divertire i bambini.
http://www.dasweihnachtsdorf.de/
Maggiori informazioni sul complesso della Residenz su questo sito http://www.residenz-muenchen.de/ital/index.htm

Continua…

 

1 Comment

  1. Pingback: Natale a Monaco - II parte - bambiniconlavaligia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.