Blog
Leave a comment

Miglierina, come a casa in Calabria

miglierina calabria

Una destinazione autentica, Miglierina

Ho cominciato a capire meglio dove mi trovavo quando è scesa la sera. Uscendo dalla mia abitazione in una delle casette del centro, mi sono incamminato verso il centro del paese. Il silenzio, è la prima cosa della quale mi sono accorto, in questo paese di nome Miglierina il silenzio esiste ancora, ed è qualcosa di magnifico.

offerte viaggi gruppo vacanze bambini

Non ci sono abituato, vivo in una casa con Giulia, due bambini e due cani, un sacco di gabbiani che passano vicino rumoreggiando, il silenzio non so più cos’è, questa è stata la prima di una lunga serie di cose che mi ha stupito a Miglierina. Oltre ai miei passi, al rumore del mio respiro, sincronizzato con le nuvolette di vapore che uscivano dalla mia bocca in una fredda sera invernale, il silenzio era una melodia.

Miglierina è un paesino di 800 abitanti, 500 metri d’altezza, quasi a metà tra il Mar Ionio e il Tirreno sull’istmo che congiunge la Calabria nel suo punto più stretto. E’ sufficiente salire sul monte vicino e puoi vedere i due mari da un punto solo. A Miglierina si arriva facilmente, l’aeroporto di Lamezia, dove arrivano diversi voli, anche low-cost come RyanAir e EasyJet, dista meno di 30 minuti d’auto o navetta. Merita una parentesi sulla stazione aeroportuale. In arrivo o partenza, non perderti assolutamente la pasticceria di fronte ai banchi del check in, cornetti a dir poco invitanti, caffè come si deve e una vera fontana di crema di pistacchio, incredibile!

Miglierina è un piccolo borgo calabro, ma ciò che lo contraddistingue, che è pure il motivo per il quale ti suggerisco di scoprirlo come esperienza, è la sua autenticità.
Questa caratteristica cosa rara oggi giorno è facile trovarla in questo luogo, nella sua semplicità disarmante, nei sapori genuini della tavola, negli occhi della gente e nel desiderio di raccontare la propria terra.

Te ne accorgi quando entri a casa della gente, magari per imparare a preparare i tortini di ricotta dolci o salati, quando una signora del luogo ti spiega come si tesse a mano su un telaio di legno, così come si faceva cento anni fa, scendendo al mulino dove si macinava la farina con la sola forza dell’acqua e le ruote di pietra, imparando da un ingegnere tecnologie futuribili come la stampa 3d, pure passando una serata intorno a un fuoco con i giovani del paese, guardando le stelle che grazie alla poca luce brillano come non mai. E’ una sensazione strana per un viaggiatore che spesso si trova ad essere visto, “spremuto” ed etichettato come “turista”, qui è diverso, e posso continuare con una bella lista di motivazioni.

A Miglierina entri in una delle due chiese del paese e il parroco esce dalla sagrestia e ti racconta di sua iniziativa la storia della reliquia di Santa Lucia, gelosamente conservata all’interno. Vai a visitare l’azienda agricola e ti ritrovi inevitabilmente a chiacchierare di fronte ad un bicchiere di vino locale ed un tagliere di salumi, mentre fuori il sole si tuffa nel mare Tirreno spruzzando le colline calabresi di un rosso-arancione intenso. Entri al bar del paese, il bar Guzzi o il Torcia, quel luogo da dove è passata e passa la vita di quasi tutti qui, tutta questa storia in un posto solo, magnifico. Magari alla sera ti ferma un signore anziano, lui canta “Al Bano”, e scatta con un assolo da brivido, è la sua vita, e si mescola alla tua, in questa esperienza totale a Miglierina.

Qui non c’è distanza tra il luogo e il visitatore, “come a casa” non è solo un modo di dire, è un modo di vivere il viaggio o la vacanza in modo slow.

Mangiare a Miglierina

In Calabria si viene anche per mangiare le specialità locali, e questa opportunità non manca a Miglierina. All’Osteria dei Mastri si possono assaggiare alcune delle specialità locali come la melanzana ripiena o una pasta realizzata con farine grezze, la struncatura. Ma anche pasta e patate con pecorino e “ndujia o i dolci locali, realizzati magari con il miele a km 0.

Da provare anche in città il Pub Vecchio Borgo, per un tagliere di salumi, del formaggio o qualcosa di caldo.

Dove alloggiare a Miglierina

In un paesino così piccolo è nata una bellissima iniziativa, per valorizzare la destinazione è nato un albergo diffuso dal nome “Il Miglio”. Si tratta sostanzialmente di diverse camere e mini appartamenti dislocati in casette ristrutturate e distribuite nel comune, fanno riferimento ad un’unica reception che coordina il tutto. Per prenotare su questa pagina trovi le informazioni di contatto http://www.visitmiglierina.com/ospitalita/

Come arrivare a Miglierina

L’aeroporto di riferimento è quello di Lamezia Terme, poi si può arrivare con un’auto a noleggio o con la navetta gestita dalla Pro Loco. Il bus da Lamezia è un’altra alternativa, due sono le partenze giornaliere.

Cosa fare a Miglierina e dintorni

A Miglierina si possono intraprendere diversi percorsi di trekking e mountain bike nella natura circostante il paese, anche trekking a cavallo. Si può visitare Tiriolo con il castello aragonese costruito sui ruderi di una fortezza romana.

Miglierina può essere anche un’ottima base di appoggio per andare al mare in alcune delle spiagge più belle del sud e della Calabria. In circa 30 minuti si arriva al Lido di Catanzaro o sulle spiagge di Lamezia, in 50 minuti a Soverato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.