Consigli, In cucina
Leave a comment

Menù settimanale per la famiglia in 3 punti

menù settimanale

È vero che noi donne abbiamo mille risorse e che dal niente sappiamo inventarci la qualunque ma è anche vero che con l’inizio della scuola e la ripresa dei ritmi invernali abbiamo sempre meno tempo da dedicare alla cucina. Per evitare di mangiare schifezze, piatti pronti o del surgelato ogni settimana ho adottato la buona abitudine di fare un menù settimanale così da ottimizzare la spesa e soprattutto ottimizzare il tempo che passo in cucina.


Una volta controllata la dispensa e buttata già la lista delle cose da riassortire, prendo carta e penna e con l’aiuto dei miei figli iniziamo a scrivere il menù settimanale. É una lavoro di famiglia pensare a cosa mangiare, responsabilizza i figli e li rende consapevoli che il cibo non è solo nutrimento e piacere per il corpo ma anche per l’anima.

Ogni settimana scegliamo delle pietanze salutari, delle pietanze che sono particolarmente gradite a l’uno o all’altro, e delle pietanze che sono poco salutari (solo una volta a settimana) ma che a loro piacciono tanto come ad esempio le patatine fritte.


Ora andiamo però nel dettaglio: perché ti consiglio di fare un menù settimanale?

menù settimanale
I pomodori non mancano mai nel mio menù settimanale

Perché fare un menù settimanale


Per risparmiare. E già, fare il menù settimanale per una famiglia significa ottimizzare i costi senza correre il rischio di perdere dei soldi in acquisti che poi non verranno consumati. Inoltre, avete presente quei bellissimi cestoni che contengono mille cose, dall’arredo casa ai vestiti, dalle offerte per il giardinaggio o a prodotti alimentari in offerta? Ecco avere un menù settimanale vuol dire avere una lista della spesa da portare con sé che ci limiterà mentalmente dal comprare offerte o multipack che poi rischiamo di non utilizzare.

Vi faccio un esempio: Sebastian adora i biscottini Plasmon, davanti ad un’offerta multipack ho ceduto alla tentazione e l’ho comprata. Morale della favola a tre mesi dall’acquisto Sebastian non li ha ancora consumati tutti e chissà se li consumerà, inoltre probabilmente ho speso molto di più rispetto a quello che avrei speso in quella spesa comprando una confezione normale.

Mangiare più salutare. Avere un menù settimanale programmato ci permette di non arrivare all’ultimo minuto senza sapere cosa cucinare rischiando di ripiegare su cibi pronti, surgelati poco salutari o fast food improvvisati.

Ottimizzare i tempi. Il menù settimanale è un ottimo strumento per programmare i momenti in cucina e anticiparsi con le lavorazioni culinarie. Le basi, come i sughi e anche alcuni piatti a base di carne e pesce possono essere cotti in anticipo e riscaldati al momento dell’uso. Solitamente di sera mentre preparo/riscaldo la cena inizio già a preparare il pranzo e la cena del giorno dopo. Se sono a casa anche la domenica per me un giorno di programmazione culinaria, dove pulisco e cucino le verdure così da averle sempre a disposizione, cucino il riso, eventuali sughi di carne e delle lavorazioni del pesce. È un momento che mi piace condividere con i miei figli così da insegnarli l’amore per la cucina.

Come fare il menù settimanale

1. Controlla la dispensa

La prima cosa da fare è controllare la dispensa cosa c’è e cosa manca. Inoltre vedere se con “quel che c’è” si può ricavare qualche buon piatto da proporre alla famiglia. Avere sempre un inventario completo della dispensa vi permette di non acquistare doppioni inutili, di mantenere sotto controllo le date di scadenza e di consumare sempre tutto ciò che vi può servire. Lo scatolame che a buon prezzo può consentirvi di preparare anche un buon piatto salutare nelle dispensa non deve mancare ma non deve nemmeno stazionare lì per mesi è mesi. È buona norma tenere qualche scatola di legumi per i pasti non calcolati ma non è necessario avere un supermarket intero a casa :). Analogamente è consigliabile controllare prima di andare a fare la spesa controllare il congelatore.

2. Acquista il necessario

Una volta controllata la dispensa e controllato il congelatore si può iniziare a completare la lista della spesa nella quale saranno già comprese tutte quelle cose che si sono finite durante la settimana. La lista, vedrete, sarà molto breve anche se avete una famiglia numerosa. L’unica variabile da considerare è la frutta e la verdura, visto che in molte famiglie, la nostra compresa, si hanno delle preferenze per la frutta e per le verdura fresche. Eventualmente sarà necessario un secondo passaggio in settimana al market o al fruttivendolo per comprare gli ortaggi necessari a ultimare il menù settimanale.

3. Utilizza la tecnica del meal prep

La tecnica del meal prep è fenomenale per tutte le donne come me a cui piace mangiare dei piatti salutari accompagnati da contorni di verdura cruda e cotta. Come funziona il meal prep? Si dedica alla cucina un pomeriggio nel quale si vanno a cucinare tutte quelle preparazioni che vi permettono di ottimizzare i tempi, come bollire il riso, le patate, pulire e cucinare le verdure al vapore, i sughi ed eventuali contorni di carne che si possono cucinare in anticipo come le polpette, gli arrosti o gli spezzatini. Dedicandosi al meal prep e preparando più cose contemporaneamente si risparmierà tantissimo tempo in cucina nei giorni successivi. Solitamente quando mi dedico al meal prep riesco ad organizzarmi la cucina per 3-4 giorni così da avere più tempo libero da dedicare ai miei figli.

Scarica qui sotto il modello da stampare in PDF che ho preparato per organizzare i pranzi e le cene della settimana al meglio.

Il nostro menù settimanale

Utilizzi anche tu il menù settimanale? Se sì raccontami la tua esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.