Blog
comments 2

Strada delle fiabe, itinerario on the road in Germania con bambini

strada delle fiabe

Itinerario da favola in Germania con i bimbi: la strada delle fiabe

La Romantic Strasse la conosciamo bene, ne abbiamo sentito parlare da quando eravamo dei bimbi, paesaggi romantici a partire dal castello di Neuschwanstein, un itinerario nella Germania più tipica, tra castelli e cittadine dove innamorarsi del paesaggio e dei luoghi. Ora siamo cresciuti però! E ora i bambini sono i nostri, allora perché non coniugare la nostra voglia di scoperta con quella dei nostri figli, un viaggio da favola lungo la Strada delle Fiabe in Germania, la Maerchenstrasse, una piccola avventura fiabesca nel mito e nella leggenda. Scarica qui la mappa in PDF.

Questo itinerario che richiama l’ispirazione dalle favole di Jacob e Wilhelm, i fratelli Grimm, magari prima di partire ti procuri il libro delle favole per capire di cosa si tratta, si snoda da sud a nord tagliando la Germania Nord Occidentale verticalmente, da Hanau, vicino Francoforte, sino a Brema. Un percorso a tappe pensato per essere percorso in auto e liberamente interpretabile, tant’è vero che ad un certo punto non c’è una strada sola da seguire, ce n’è più di una, un piccolo groviglio dove lasciarsi trasportare un po’ dall’istinto, un po’ dalla fortuna, un po’ come Pollicino nel bosco, se no che strada delle fiabe è? L’importante è che poi tutte le strade si riuniscono e, come in ogni lieto fine fiabesco, si arriva (forse purtroppo) al lieto fine del viaggio, che sia Brema o Francoforte. Questo è il nostro itinerario suggerito per la Strada delle Fiabe, ma chiaramente ognuno può costruire il suo, lasciandosi trasportare dall’istinto e dall’amore per le favole.

strada fiabe

Le cittadine sulla strada delle fiabe

Hanau è la prima tappa del viaggio, città natale dei fratelli Grimm qui non è da mancare il castello di Philippsruhe (Schloss Philippsruhe), il Puppenmuseum (il Museo delle Bambole), il Deutsches Goldschmiedehaus – palazzo del XVI secolo utilizzato come municipio sino ad inizio secolo (1900). Per alloggiare c’è in città il Best Western Premier Hotel Villa Stokkum attrezzato anche per le famiglie con bambini.

Andiamo verso nord, Steinau. Qui i fratelli Grimm trascorsero una buona parte della loro infanzia e la loro casa si può visitare. Al teatro delle marionette “Die Holzköppe“ si tengono spettacoli di marionette e burattini.

Un po’ più su si entra nel territorio di Cappuccetto Rosso, c’è Alsfeld, piccola cittadina ricca di case a graticcio, tipiche costruzioni tedesche con le travi di legno in facciata ed i tetti a punta, impossibile non immortalarle con diversi scatti. Dopo Alsfeld c’è il primo di una lunga serie di bivi. A sinistra si va verso Marburg (Marburgo in italiano), a destra a Willinghausen. A Marburg, dove i fratelli Grimm studiarono è da visitare il Castello del Langravo (Landgrafenschloss) e la Piazza del Mercato (Marktplatz). Se avete preso il sentiero di sinistra, ricordatevi di lasciare la scia di sassolini ;), la tappa successiva è Bad Wildunken. In questa cittadina non si manca il castello di Friedrichstein, ma soprattutto dovete sapere che vi troverete nel bel mezzo della fiaba di Biancaneve ed i sette nani, in quanto i Fratelli Grimm si sono ispirati per la favola ad una principessa, qui vissuta nel sedicesimo secolo e scomparsa a causa di un avvelenamento. C’è la casa di Biancaneve, che è uno spaccato della vita medioevale e pure una miniera di rame (quella degli gnomi?).

strada delel fiabe marburg

Il castello di Marburg

Se prima avete invece scelto di andare a destra ora vi troverete nella foresta oscura… ma no dai! C’è Schwalmstadt che è nella terra di Cappuccetto Rosso, città carina con circondata da un grande fossato, case a graticcio ed ospita il museo del fiume con una ricca esposizione di costumi locali. Poco più avanti si incontra Homberg, da vedere la Chiesa di Maria (Marienkirche), mentre sulla Piazza del Mercato si trova la fontana dedicata alla favola del “Fratellino e sorellina”.

Questa che ruota attorno alla cittadina di Kassel è la parte più intricata dell’itinerario, c’è da vedere un po’ dappertutto, piccoli paesini e zone rurali. Per dormire c’è il Premiere Classe Kassel che ha camere familiari e un ottimo feedback. Kassel stessa, innanzitutto, praticamente la capitale della strada delle fiabe! I Fratelli Grimm sono passati anche di qua, questo è il luogo di Cenerentola, ma anche una località turistica perfetta per le famiglie con bambini, ci sono le terme, il Museo dei Grimm, il parco sulla montagna con una incredibile fontana e il monumento ad Ercole, le escursioni sul battello, la grande zona pedonale del centro di Treppenstrasse. Immancabile assaggiare il cioccolato che si produce in città, partecipare al Festival dedicato ai Fratelli Grimm in estate e il Mercatino di Natale in inverno.

la strada delle fiabe

Sulla strada delle fiabe

Nei dintorni di Kassel non mancate di fare tappa a Wolfhagen, borgo collegato alla fiaba del Lupo e dei sette capretti. Il centro storico è affascinante, la fontana delle fiabe è perfettamente inserita nel contesto, il luogo perfetto per l’ambientazione di racconti e favole.
Per conoscere Madama Holle andate invece a Hessian Lichtenau, qui c’è da fare una passeggiata attraverso un percorso tematico assistiti da stazioni dove grazie ad un QR code potete conoscere storia e leggenda del luogo. Da vedere anche la chiesa gotica del 1400. Hofgeismar ed il suo castello di Sababurg sono la casa della Bella Addormentata nel Bosco. In questo luogo si può apprezzare il centro storico con le case a graticcio e dedicarsi piacevolmente all’hiking o a dei giri in bici. Il castello è impressionante per la sua bellezza e maestosità, al pari dell’area verde che lo circonda con alcuni alberi che hanno più di 800 anni.

strada fiabe Sababurg

Al castello di Sababurg

Navigatore con direzione ancora nord per giungere in un pugno di chilometri sino ad Hamelin, la città del Pifferaio Magico! Se passate di qua da metà maggio a metà settembre non potete perdere lo spettacolo all’aria aperta del Pifferaio Magico che si tiene ogni giorno a mezzogiorno. Ispirata all’esodo dei bambini dalla città avvenuto per la leggenda nel 1284 vede la partecipazione di ben 70 figuranti, dura circa una mezzoretta ed è totalmente gratuita! D’estate viene raffigurato anche un musical dal nome “rats” (topi) di 45 minuti con balli, marce, ballate e pure il rap, ogni mercoledì alle 4.30 del pomeriggio, ingresso gratuito.

hamelin strada fiabe

Hamelin, sulla strada delle fiabe

Penultima tappa del viaggio è Nienburg, interessante meta per amanti della bicicletta e delle camminate tra l’altro. Pare di tornare 1000 anni indietro nel tempo passeggiando per il centro di questa cittadina, gli edifici in legno sono un’ottimo contorno al mondo delle fiabe a cui questa strada è ispirata. La piccola Nienburghese (statua in bronzo) accompagna gli ospiti con una particolare melodia che si può ascoltare tre volte al giorno, alle 9.15, 12.15 e 18.15.

Ultima tappa del viaggio lungo la strada delle fiabe in Germania è Brema, ma per questa splendida città vi rimandiamo a questo articolo dedicato interamente a lei.

Il nostro suggerimento è quello di volare a Francoforte (da dove abbiamo iniziato anche il nostro viaggio nella Valle del Reno) o Brema (qui noi abbiamo dormito al City Hotel Hanseatic), prendere un’auto a noleggio (ma anche camper perché no!) e quindi scendere, o salire, a seconda di quale sia l’aeroporto dove atterrate, lungo l’itinerario della strada delle fiabe tedesca. Il sito della Maerchenstrasse è un’ottima risorsa per ulteriori informazioni sul viaggio.

Filed under: Blog

by

Fabio

Creatore di contenuti web, fotografo, blogger e soprattutto papà. Amo la luce del mattino e la colazione inglese, il mio libro preferito è Peter Pan nei Giardini di Kensington, casa è la mia isola che non c'è, sono curioso, molto curioso, non rinuncio alla pizza, mi piace sperimentare, esplorare e raccontare storie.

2 Comments

  1. Avatar
    Linda says

    Bella scoperta la strada delle fiabe…percorsa quest’estate in macchina da Hanau a Brema. Grazie per avercela fatta scoprire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.