LifeStyle
Leave a comment

Il Trucco magico

il trucco magico

Il trucco magico dell’essere genitore

Nessun genitore che conosco prima di diventare tale sapeva che la sua personalità, i suoi ideali, ciò in cui credeva sarebbe stato stravolto da un piccolo nanerottolo puzzone. Nemmeno il carattere sarebbe stato lo stesso! Ecco perché sono andata alla ricerca del trucco magico…

Avete presente un uragano? La nascita del bambino è come un uragano che quando passa ti stravolge la vita, in meglio ovvio, ma te la stravolge.

Il trucco magico per assorbire questo forte cambiamento è il tempo, darsi tempo di metabolizzare le cose nuove, di accettare questo piccolo esserino e di non aver fretta di bruciare le tappe.

Il darsi tempo è l’arma segreta che ogni mamma fatica ad usare, le amiche e i nonni saranno sempre pronti a dirvi cosa fare e quando farlo, a dirvi che il bimbo è troppo grande per questo o per quello. Non ascoltate nessuno e seguite il vostro cuore.

Che sia in casa oppure in viaggio il legame che lega la madre al figlio è un legame talmente forte che non servono parole per capirsi, ma solo il tempo per sapersi ascoltare. In questo, staccare la spina e uscire dalla routine quotidiana mi ha permesso di imparare ad ascoltare quello che i miei figli avessero da dire, il ciuccio lo abbiamo perso a Parigi (un caso?) non lo so ma quel ciuccio mai più ritrovato è stato un modo per non utilizzarlo più. La piccolina ha iniziato a camminare in Scozia, quando ha trovato la libertà e la sicurezza di poterlo fare, o quando io non ero troppo assillante con lei per paura che cadesse. Era il loro momento.

Io sono quella del “non c’e’ tempo”, invece ho imparato che è forse meglio concedersi del tempo e concedere tempo agli altri, è l’unico trucco per vivere serenamente. Ai bambini va dato il tempo di sperimentare, di conoscere ed esplorare, a noi il tempo per poterli capire e ascoltare.

Ecco perché in viaggio non voglio avere fretta e voglio assecondare il loro ritmi e i loro bisogno, voglio lasciarli liberi di esprimersi. Tanto li non ci sono orari da rispettare o vincoli da sottostare, giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.