Blog
comment 1

Grado, l’isola del sole

grado isola del sole

A Grado con i bambini

Camminiamo verso il mare, ci circondano pini marini sia a destra che a sinistra, qualche libellula, molte farfalle e dei timidi raggi di sole che ci scaldano il cuore. Una spiaggia di fine sabbia dorata si apre davanti a noi, siamo a Grado, una piccola isola a nord est.
Localizzata tra Trieste e Venezia, e famosa negli anni ’60 per le sue terme e le sabbiature, è tutt’oggi considerata dai tedeschi ed austriaci in particola modo una apprezzata destinazione estiva.

I suoi 6 chilometri di spiaggia rivolti completamente a sud sono ideali per le famiglie che vogliono passare un po’ di ore al mare. Qui i fondali sono bassi e sabbiosi, ideali per i bagnetti dei più piccoli, le attrezzature per i bambini sono complete, dai parchi giochi locati sul lungomare alle attività di animazione che vengono organizzate ogni anno. Si può optare per la Costa Azzurra, spiaggia libera con vari stabilimenti balneari, per la spiaggia a pagamento, chiamata Spiaggia Nuova e gestita dalla Git, all’interno le uniche terme marine italiane, oppure la spiaggia della Pineta, con piccoli localini e ristoranti dove assaggiare i piatti della cucina tipica gradese, tra i più famosi i calamari fritti, un boreto di pesce (zuppa) o una grigliata mista di frutti di mare, qualcosa di speciale per il tuo palato.

Grado vuol dire anche Terme. Una piscina di acqua marina riscaldata, dove tuffarsi nelle giornate piovose, con annessa piscina idromassaggio, ideale sia per la riabilitazione fisioterapica che per un primo contatto con l’acqua per i più piccini. Inalazioni, nebulizzazioni, fisioterapia, massaggi a base di aromi naturali, sono le altre proposte che questa località offre ai viaggiatori.

Se devo descrivervi la mia Grado però, la parte che a me piace di più in assoluto è la laguna. Con un piccola barca chiamata batela ero solita ad andare da piccina lungo i canali, fino ad arrivare a Barbana, una piccola isola divenuta santuario dei Frati Benedettini. Il paesaggio è meraviglioso, canne di bambù e fiori di tappo sono la casa di tantissimi tipi di uccelli migratori. Gabbiani, anatre, cigni e trampolieri possono arrivare ad appoggiarsi sulla prua della barca aspettando che voi gli diate qualche bricciolina.

bambini in barca a grado panorama spiaggia grado  gita in barca batela a Gradogrado e spiaggia

I molti casoni, abitazioni tipiche dei pescatori delle isole della laguna di Grado, costruite con fango e canne, sono oggi meta di molte visite turistiche, solo una è ancora abitata da una famiglia gradese che tiene salva la tradizione.
Qui la pace e il silenzio creano un’armonia particolare, si sentono solo i suoni degli animali, la maggior parte delle barche si muovono a remi. Il fondale della laguna è basso e fangoso, nei suoi canali non possono viaggiare barche con chiglia, ma solo barche piatte, questo è il motivo per il quale non esistono dei tour per visitarla, ma bisogna solo affidarsi a qualche esperto locale che vi condurrà in quello che io considero il gioiello di Grado.

Come arrivarci:

Grado è collegata da due ponti, uno in direzione Aquileia, l’altro in direzione Trieste. Il parcheggio è merce rara e solitamente a pagamento, cercate di parcheggiare nella zona che si chiama Citta’ Giardino, dove è più probabile trovare posteggio, o in alternativa l’isola della Schiusa, piccolo isolotto vicino a Grado.
Per chi arriva in barca è possibile attraccare la vostra imbarcazione al Porto di San Vito o al Porto del Campeggio Primero (sono strutture private che vi consiglio di contattare direttamente) oppure nel porto cittadino locato in zona centrale (contattate la guardia costiera per le informazioni del caso)

Cosa mangiare:

Boreto, risotti, grigliate e pasta ai frutti di mare. Cercate di preferire le piccole trattorie a conduzione famigliare locate nella zona di Grado Vecchia. E’ qui che non devi perderti un giro tra le case della città vecchia, un tempo Castrum romano. Una chicca che vi posso suggerire, non solo per l’ottima cucina ma anche per la particolarità della location, è la trattoria Porto Buso, locata su un’isola della laguna e raggiungibile solo in barca.

Dove dormire:

Come nelle migliori località al mare anche a Grado avrete solo l’imbarazzo della scelta, dai più moderni hotel a 4 stelle come l’Hotel Savoy o il Laguna Palace, entrambi con piscina, ai b&b, ville o camping, noi ad ad esempio siamo stati più volte al Camping Primero. Si può scegliere tra il campeggio, le casette tipo bungalow o le case mobili.  Molti privati utilizzano HomeAway o Airbnb, quindi per chi preferisce dormire nelle case private qui potrete trovare la soluzione ideale per voi.

vacanza a Grado in campeggio

Foto di famiglia 🙂 davanti alla piscina al Camping Primero

Quando andare a Grado

Grado è bella in ogni stagione, talvolta indipendentemente dal meteo, estate per il mare, primavera ed autunno per la magia della laguna, inverno per rigenerarsi alle terme.

Una cosa va detta, come in tutte le località di mare d’estate le zanzare potrebbero anche dar fastidio, specie con i bambini che hanno la pelle più delicata, meglio premunirsi di un buon repellente anti-zanzare

Nei dintorni di Grado

Csi sono un sacco di cose da fare durante una vacanza a Grado anche muovendosi un po’. Aquileia, l’antica città romana è la più vicina, ma anche Palmanova, la città fortificata a forma di stella, Udine e Trieste. Ma da qui si può partire anche per visitare la Grotta Gigante o quelle di Postumia.

Piaciuto il post? Leggi anche cosa portare in viaggio con i bambini

1 Comment

  1. Pingback: Mini-vacanza al mare - bambiniconlavaligia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.