Blog
comments 4

Copenhagen: Lego Store e Tivoli

copenhagen lego

La nostra Copenhagen, il centro con il Lego Store ed il parco dei divertimenti Tivoli

Continua dalla parte seconda… del racconto della nostra visita a Copenhagen con i bambini, durante il viaggio on the road in Danimarca, é la volta del negozio Lego, del Children’s Museum e del Parco Tivoli.

Torniamo verso l’aerea pedonale ed in Vimmelskaftet non possiamo rinunciare ad entrare nel Lego Store, l’unico flagship store in Danimarca. Ci accoglie un drago verde che esce dalla parete, alcuni divertenti personaggi con i quali i bambini vogliono fotografarsi, una parete dedicata alla storia del marchio con le diverse grafiche che si sono succedute negli anni, dal 1934 sino a oggi, un grande murales con il panorama della città, una ricostruzione delle case sul canale di Nyhavn, tutto rigorosamente di Lego.

All’interno del Lego shop c’è di tutto, ma proprio tutto il mondo Lego pronto a esser venduto in scatola, l’arredo é ispirato al mitico mattoncino, compresa l’illuminazione a soffitto, ci sono i banchetti dove provare a fare le costruzioni, l’area gioco Duplo per i più piccoli, il leone per la foto di rito con la testa dentro alle sue fauci.

Ci attrae un angolo del negozio dove su due grandi pareti sono sistemati centinaia di contenitori cilindrici trasparenti, ognuno dedicato ad un singolo componente, così il classico mattoncino a 8, quello a quattro, quello da uno, le piastrine quadrate e quelle rettangolari, tutto in diversi colori, ci sono pure le ruote, i cerchioni, i volanti, i pezzi trasparenti, i diamantini…

Vicino ci sono dei barattolini di plastica trasparente in due dimensioni, da riempire a piacimento, praticamente si prende quello che si vuole e si paga non a peso ma a volume ! Noi optiamo per quello più piccolino da circa 11 Euro). Sinceramente si risparmia qualcosa, e noi sinceramente cerchiamo di riempirli al massimo (cominciate dai pezzi piccoli ;)), ma é il divertimento nello scegliere quello che si vuole per colmare questo vasetto trasparente che ci appassiona, ci impieghiamo quasi una mezzoretta e non sono solo i bambini a divertirsi come matti ! Arrivederci lego shop.

Usciamo con il sorriso e con i nostri sacchettini gialli in mano, ci incamminiamo verso il National Museum di Copenhagen, entriamo e lasciamo giubbini e zaini al guardaroba (gratuito) e ci dirigiamo alla sezione (gratuita) del Children’s Museum. Questo spazio espositivo è dedicato interamente ai piccoli visitatori, qui si possono scoprire la storia e la cultura danese a partire dal tempo dei vichinghi. Si può salire sulla barca vichinga, montare a cavallo, costruire le mura della fortezza con i mattoni di legno o cucinare nella cucina della taverna, tutto indossando i vestiti a disposizione dei bambini per travestirsi. Risultato ? Anche qui ci siamo divertiti e siamo un po’ tristi quando ci dicono che alle cinque si deve uscire.

Ci consoliamo dirigendoci verso il Parco Tivoli http://www.tivoli.dk/en/. Questo enorme spazio verde al centro della città é un luna park, un teatro all’aperto ed al chiuso, un giardino dove lasciarsi affascinare dalle piante e dai fiori. Tenuto alla perfezione si entra pagando il biglietto per gli adulti ed i bambini sopra gli 8 anni di età, il costo é di poco più di 13 Euro, se si vuole avere accesso anche alle attrazioni del luna park il prezzo é di circa €27. Ci facciamo una piacevole passeggiata nel parco prima di sperimentare qualcuna delle attrazioni più tranquille come le automobiline d’epoca, le barchette a motore sul laghetto, proprio sotto alla pagoda cinese, oltre ad alcune giostre tradizionali. Assaggiamo qualche caramella alla liquirizia, da leccarsi i baffi, ed é tempo di andare, ormai é sera ed i bambini sono stanchi.

Il Tivoli é un luogo da visitare, ed il meteo ci assiste oggi a Copenhagen, per sedersi sul prato a seguire uno show, per fare un giro sulle giostre o sugli emozionanti roller coaster, per vivere l’atmosfera un po’ retrò di questo parco. Proprio fuori dall’ingresso principale del Tivoli troviamo un ottimo supermercato dove ci accaparriamo le cibarie per la cena, vogliamo sperimentare la cucina dell’ostello.

Così facciamo, ci prepariamo un paio di salsicce, un’insalata e mangiamo tranquillamente facendo amicizia con alcuni ragazzi tedeschi, lasciamo i bambini giocare ancora un po’ nello spazio apposito mentre scriviamo qualcosa sul blog ed andiamo a riposare davanti ad un tramonto da favola nella città delle favole, Copenhagen.

Il giorno seguente é tempo di trasferimenti, facciamo colazione, check out, riconsegnando lenzuola ed asciugamani alla reception, salutiamo il Danhostel Copenhagen City con un’ottima impressione di questa struttura che ci ha stupito per pulizia, organizzazione e qualità. Copenhagen resterà per sempre nei nostri cuori, una metropoli dove sembra di vivere in una fiaba, perfetta per una visita con i bambini, con più di un pizzico di nostalgia puntiamo il navigatore verso Roskilde ed il Museo delle Navi Vichinghe, la nostra Danimarca on the road continua, ma questa é un’altra storia…

Per ulteriori informazioni guardate su Copenhagen cerca Visit Copenhagen o guarda direttamente sul sito del Children’s Museum http://natmus.dk/besoeg-museerne/nationalmuseet/udstillinger/boernenes-museum/boernenes-museum/

4 Comments

  1. Enrica Stucchi says

    Ciao a tutti
    siamo appena tornati da Copenaghen dove abbiamo trascorso il ponte del 2 giugno. Sono stati 4 giorni intensi e oltretutto il meteo ci ha davvero baciati, regalandoci sole e caldo penso insoliti per un paese nordico (avevamo portato anke capi pesanti per vestirci a cipolla ma si girava in shorts e canottiera). Abbiamo soggiornato al Danhostel seguendo i vs consigli e ci siamo davvero trovati bene. Pulizia ed efficienza al massimo e ambiente informale nello stesso tempo, oltre all’ottima posizione da cui partire alla scoperta della città. Che dire, tutto bello e davvero alla portata dei bambini. Peccato aver perso per un soffio Experimentarium che ha chiuso i battenti il 16 maggio in attesa della riapertura nel 2017 nella nuova sede ad Ellerhum (potrebbe essere una valida scusa per programmare un nuovo viaggetto da loro). Abbiamo visto il centro, fatto il giro in battello, il National Museet con la sezione dei bimbi (tutto gratuito), il Tivoli e tanto altro spingendoci fino a Roskilde per il Museo Vichingo e la Cattedrale (treni puntuali ed efficienti). Avevamo dubbi se acquistare la Copenghen Card in quanto viaggiamo in 5 ma a conti fatti, abbiamo fatto bene a prenderla. Non si può dire che sia una meta low cost, ma basta accontentarsi in qualche modo e fare un po di fatica in più per girare a piedi per gustarsi a pieno tutto quello che questa meravigliosa città offre ( anche i residenti sempre gentili e pronti a dare una mano se ti vedono un po titubante alla fermata del bus). In ultimo la luce di cui si gode dal mattino fino a sera inoltrata, che sembra la luce degli occhi dei bambini che riflette la loro gioia e meraviglia nel vedere e conoscere un paese così diverso dal nostro. Da rivisitare a breve ……

    • bambiniconlavaligia
      bambiniconlavaligia says

      Ciao Enrica, ci fa un sacco piacere ricevere il tuo feedback su Copenhagen e sopratutto sulla struttura dove avete dormito. Buoni viaggi ragazzi!

  2. Simona Berti says

    Ciao! Sto leggendo appassionatamente tutti gli articoli correlati alka Danimarca poiché tra una settimana partirò con la mio marito e due bambini alla volta Billund, l isola di Fyn e Copenhagen. Ho qualche difficoltà a trovare bb o hotel “low cost” verso Odense e Copenhagen (per quanto sappia che low cost in Danimarca non sia sempkice). Il Danhostel ad esempio diventa caro aggiungendo lenzuola e colazione. Avete suggerimenti? (Gli altri li sto sfruttando alla grande)
    Grazie
    Simona

    • bambiniconlavaligia
      bambiniconlavaligia says

      Prova a vedere magari anche su HomeAway o Airbnb per queste destinazioni in Danimarca 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.