Blog
Leave a comment

7 giorni in Istria, itinerario in Croazia per famiglie

Tour in Istria

Itinerario in Croazia, 7 giorni di vacanza in Istria

L’Istria è una terra magnifica, ha radici culturali italiane miste a quelle balcaniche, è una regione di mare con delle località e spiagge affascinanti, ma anche un entroterra ricco di attrattive, e non solo culinarie. Per chi viaggia con bambini è una destinazione turistica veramente a misura famiglia, ogni volta che abbiamo messo piede in Istria è stata una bella esperienza, sia come vacanza al mare sia come viaggio culturale, e qualcosa ci ha spinto a ripeterla più volte.

itinerario Istria

La mappa dell’Istria con l’itinerario

In questo itinerario, ottimo per 7 giorni in Istria, scopriremo alcuni del luoghi più speciali che abbiamo visitato durante i nostri giri in questa parte di Croazia con una tappa anche in Slovenia, alcuni da non perdere per il paesaggio, altri per il mare e il divertimento, senza scordare i sapori della tavola. Una buona mappa dell’Istria è sempre consigliata per iniziare un viaggio di scoperta, 10 Euro ben spesi su amazon.it Il mare è bello quasi ovunque, spiagge di sassolini o roccia principalmente, noi però abbiamo lasciato il cuore a Rovigno però.

Il percorso è fattibile in 7 giorni, starà a te decidere quanto fermarti nelle diverse tappe in base alle attrazioni che preferisci o ani nostri suggerimenti. Magari può essere comodo fare base in 2 o tre località e muoversi un po’ a raggiera.

Dall’Italia all’Istria slovena a croata

Il nostro itinerario comincia da Capodistria in Slovenia. E’ la prima città che si incontra sulla costa dopo aver passato il confine a Trieste (aggiungi casomai una notte  perché la città merita veramente). A Capodistria puoi parcheggiare l’auto in uno dei parcheggi a pagamento fuori dalla vecchia cinta muraria e immergerti nel centro storico. Le case in stile veneziano si riconoscono subito, il leone su qualche facciata, i vicoli con qualche casa che conserva ancora il cortile con l’orto (una strada si chiama proprio Calle degli Orti). La piazza principale, quella con la cattedrale e l’alto campanile è un gioiello dove sedersi ai tavolini sotto la loggia del caffé che guarda la piazza, magari mentre i bambini si fanno una corsa liberi.

Capodistria in Istria

La Piazza di Capodistria

Passato il confine tra Slovenia e Croazia a Dragonja (ricordati la carta di identità o il passaporto), si prende l’autostrada con destinazioni Umago, la prima cittadina croata sul mare che incontriamo. Ogni volta che siamo stati a Umago abbiamo optato per alloggiare al Camping IN Park Umag. E’ una grande struttura a 4 stelle con piscina dove è possibile anche alloggiare in case mobili.

Il parco acquatico in Istria

La seconda tappa di questo nostro viaggio in Istria passa da Cittanova, Novigrad. Piacevolissima per una passeggiata mangiando un gelato o una cena a base di pesce è vicinissima al Parco acquatico Istralandia, uno dei primi cinque parchi acquatici in Europa! Metti in conto più di una mezza giornata tra scivoli lunghissimi e piscine enormi sulle colline istriane alle spalle di Cittanova.

Istralandia parco acquatico

Istralandia il parco acquatico

Merita anche un’escursione all’interno per visitare Montona, la cittadina medievale, dalla quale si gode il paesaggio circostante a 360 gradi. Da qui e sino a Visinada passa un trenino su gomma che percorre il vecchio tracciato della linea ferroviaria Parenzana. E’ un’occasione anche per fermarsi nelle località ad assaggiare i prodotti tipici locali come il vino (Teran), i salumi (fantastico il prosciutto) e formaggi locali.

Tra Parenzo, Rovigno e una città fantasma

Sono una più bella dell’altra, non meno di un paio ma anche tre giorni da queste parti. Non saprei dire quale è la più bella. Entrambe hanno il nucleo originario del centro storico che è nato su un promontorio rotondeggiante che assomiglia molto ad un isolotto. Case di pietra, d’Istria naturalmente, vicoletti, negozi e botteghe artigianali. La vita di paese sul mare, due borghi imperdibili.

Rovigno in istria

Rovigno

Tra Rovigno e Orsera (ottima destinazione per mangiare pesce) devi fermarti a Dvigrad, Duecastelli.  Si tratta di una minuscola città abbandonata nel passato, pare a causa della peste. Sono visibili ancora le case originarie, parte delle mura, delle torri, del castello e della chiesa. Un luogo suggestivo, anche perché il sottostante Canale di Lemme pare fosse utilizzato dai pirati Uscocchi quale base per le loro scorrerie sulle coste dell’Istria. L’ingresso è gratuito e per la visita metti in conto un’oretta, fai attenzione ai bambini.

dvigrad Istria Croazia

Dvigrad Duecastelli in Istria

A Rovigno la nostra base è stato il campeggio Vestar che prende il nome dall’isolotto che fronteggia la piccola baia. Un campeggio di dimensioni contenuti con molte case mobili, la piscina e un bellissimo affaccio sul Mare Adriatico. Dispone anche di lodge di lusso e tende bungalow. Un’attrazione carina anche se molto contenuta è il parco a tema Mini Croazia, le attrazioni più conosciute del paese ricostruite in miniatura.

Parenzo in Istria

Le case di Parenzo

A Parenzo c’è un parco acquatico ottimo per le famiglie con bambini, si chiama Aquacolors. A Fontane, vicino Orsera c’è il Dinopark un parco a tema per gli amanti dei bestioni paleozoici.

Sulla punta dell’Istria – Arena di Pola e Parchi naturali

La quarta tappa in Istria è la parte più meridionale della penisola, siamo sulla punta vicino Pola, il centro principale della regione, e il Parco naturale di Premantura. Due giorni sono giusti per visitare le principali attrazioni.

barbeque da campeggio portatile

Barbeque da campeggio

Medulin o Medolino è una semplice ma bellissima località turistica. Sul molo del porticciolo al mattino arrivano le barche dei pescatori cariche di pesce fresco, approfittane per acquistarlo e goderti una grigliata a fine giornata, io mi sono innamorato di questo barbeque portatile, mi sa che sarà il prossimo acquisto per la stagione entrante. A Medulin puoi alloggiare anche in appartamento, questi sono carini e hanno la piscina a Medulin, o in campeggio, questo ha pure un’isola, è semplice ma ci siamo stati diverse volte trovandoci bene. Se arrivi con il camper attenzione ai tronchi degli alberi sporgenti sulle stradine!

spiagge istria

Le spiagge dell’Istria, Rovigno

Una visita a Pola non deve mancare. L’arena è l’unica rimasta con le tre arcate sovrapposte completamente conservate, merita veramente. I bambini, ma anche i grandi, possono scendere sul terreno dell’arena e immaginare di tornare al tempo degli antichi romani. Interessante il piano interrato con una mostra permanente e anche il centro storico è carino per una passeggiata.

arena Pola

L’arena di Pola

Il parco di Brioni è un arcipelago di isolotti che sono un vero paradiso naturale. Residenza di Tito durante la presidenza oggi è aperto al pubblico e si raggiunge con visite guidate in barca. E’ il posto dove vedere liberi daini, mufloni e cervi, pure i resti di un’antica villa romana. La visita si fa in trenino.

parco brioni

Cervi al parco di Brioni

Il parco di Prematura Kamenjak si trova sulla punta estrema in Istria. E’ una riserva naturale alle quale si accede con l’auto su strade sterrate. Si possono raggiungere diverse spiaggette di sassi e fare il bagno nell’acqua cristallina, oppure seguire i cartelli segnaletici alla ricerca delle impronte di dinosauro sui lastroni di roccia calcarea.

Termine del Tour passando da Abbazia

Per completare il giro in Istria puoi optare per salire lungo l’autostrada a Y istriana (a pagamento con i caselli) verso Abbazia e fermarti in questa cittadina balneare che è stata una delle più conosciute ad inizio 900, belle case e la vista sulle isole.

A questo punto per rientrare in Italia puoi passare dall’interno lungo una strada statale arrivando al confine di Trieste Fernetti.

 

Condividi questo post sulle tue pagine socialTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *